LSD: l'Opera
#1
29 LUG 2015 19:28LSD: L’OPERA – TRA VIAGGI PSICHEDELICI, PERCEZIONI SBALLATE E SUONI ETEREI, LA CULTURA DELL’ACIDO INVADE I PALCHI DEI PIÙ GRANDI TEATRI DEGLI USA (VIDEO)

In una scena assistiamo all’accidentale scoperta di Albert Hofmann (l’uomo che scoprì Lsd). In un’altra vediamo la CIA condurre esperimenti segreti sulla droga. In un’altra ancora partiamo insieme ad Huxley nel suo primo viaggio psichedelico descritto in “The Doors of Perception”…

VIDEO - INTRODUZIONE ALL’OPERA LSD
https://www.youtube.com/watch?v=BBT-WlgMc14

VIDEO - LSD: THE OPERA
https://www.youtube.com/watch?v=NpQuh60SJEs

Da http://www.alternet.org
Milioni di parole sono state spese per raccontarla e innumerevoli canzoni e poesie le sono state dedicate. Dà nome ad un intero genere musicale (acid rock). L’unica cosa che mancava all’LSD, l’allucinogeno più amato da generazioni e generazioni di musicisti, è un’opera lirica a lei interamente dedicata. Almeno fino ad ora.
Nel mese di febbraio, “LSD: L'opera” ha debuttato al Wallis Annenberg Theater di Beverly Hills, proseguendo a Los Angeles (alla Schindler House e al Redcat Theater).L’opera è ancora work in progress. Il fine non è replicare l’esperienza dell’Lsd, quanto narrare un pezzo di storia della cultura psichedelica. Tra i personaggi troviamo l’Lsd stessa, interpretata da tre soprani femminili (Amore, Sesso e Morte), così come alcuni famosi personaggi che ne hanno fatto uso, come Aldous Huxley e Timothy Leary, e Albert Hofmann, l’uomo che scoprì la droga.In una scena assistiamo all’accidentale scoperta di Hofmann. In un’altra vediamo la CIA condurre esperimenti segreti sulla droga. In un’altra ancora partiamo insieme ad Huxley nel suo primo viaggio psichedelico descritto in “The Doors of Perception”.
La musica è stata composta da Anne LeBaron, una compositrice e arpista americana. Gli strumenti, del compositore americano Harry Parch, di origini occidentali e orientali sono organizzati in modo di spostare la prospettiva e la percezione degli ascoltatori manipolando il fluido dei sistemi di accordatura. Il risultato è etereo e melodico, pieno di suoni inaspettati e microtoni che sembrano giungere da un altro pianeta.Il risultato potrebbe non replicare esattamente l'esperienza del viaggio sotto acidi, ma crea certamente un'atmosfera psichedelica grazie all’eterogeneità degli strumenti e alla preparazione dei musicisti e dei compositori.


http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_...105911.htm
  Répondre


Atteindre :


Utilisateur(s) parcourant ce sujet : 1 visiteur(s)