Psychonaut

Version complète : Paralisi Notturne e Allucinazioni Ipnagogiche/Ipnopompiche
Vous consultez actuellement la version basse qualité d’un document. Voir la version complète avec le bon formatage.
Pages : 1 2
Stanotte mi è successa una cosa strana: stavo sognando di essere in una stanza che sentivo come casa mia insieme ad una ragazza che però era anche mia madre e che ascoltava musica brutale (??) non in quel momento, ma sapevo cosa ascoltasse. Ad un certo punto ho cominciato a cadere verso il basso, lentamente e tranquillamente ma ero nel panico, ero sveglio, completamente lucido ma non potevo muovermi ed ero nel mio letto a guardare il soffito ma con l'immagine della ragazza/madre che mi guardava mentre cadevo leggerissimo e non riuscivo a "risvegliarmi"... Alla fine ho cercato di parlare ma è uscito solo un suono strano molto gutturale e mi sono sbloccato. Mi ha abbastanza sconvolto, anche perché non stavo veramente sognando è stato qualcosa di stranissimo...

Boh...
Scusate se non si capisce ed è scritto male ma l'ho appena ricordato e non volevo perdere qualche dettaglio Smile
cercati paralisi ipnagogica e troverai tutto Wink peraltro la "caduta dolce" con successive allucinazioni è accaduta anche a me pochi giorni fa.
Nono, fidati, paralisi normali mi erano già capitate... Ma questa è stata mostruosa, da un bel po' esploro quel mondo ma una cosa simile non mi è mai capitata.
Non l'ho spiegata bene, adesso come adesso i ricordi sono anche molto confusi ma mi ha sconvolto molto di più della mia prima OBE; e se non te l'aspetti un OBE ti sconvolge non poco...
Era un livello piu' alto di paralisi del sonno...
Vel1 a écrit :Nono, fidati, paralisi normali mi erano già capitate... Ma questa è stata mostruosa, da un bel po' esploro quel mondo ma una cosa simile non mi è mai capitata.
Non l'ho spiegata bene, adesso come adesso i ricordi sono anche molto confusi ma mi ha sconvolto molto di più della mia prima OBE; e se non te l'aspetti un OBE ti sconvolge non poco...
strano, a me è capitata praticamente identica alla tua ed era poi una paralisi, ovvero io nella mia stanza davanti al pc, entra mia madre, forse scambio di battute non ricordo, inizio a cadere piano ma inesorabilmente per poi trovarmi nel letto in paralisi.

Monad, non so fare doppie quote, ma approfondiresti? :?::?
Ciao ragazzi, voglio raccontarvi e raccogliere testimonianze su quella che ho scoperto essere chiamata Paralisi notturna. L'altra notte, come altre volte nella mia vita, mi sono svegliato e non riuscivo a respirare, così subito preso dal panico cerco di muovermi, senza riuscirvi. L ultima volta ho notato che riuscivo a registrare ciò che vedevo, ovvero l'interruttore di una luce proprio posto di fronte a me (dormo sempre su di un lato). In un secondo sento la voce di mia madre che dice "ma che rumore" , io cerco di scuotermi per fare rumore e avvertire che sto soffocando , ma, ripeto, non ci riesco. Il giorno seguente ho chiesto a mia madre se mi fosse venuta a dire qualcosa e mi ha confermato il fatto che non si sia mossa dal letto. Sono secondi di puro terrore e oppressione, in cui la realtà si fonde col sogno. In seguito di solito dopo vari tentativi, mi sveglio completamente, con il cuore un po' accelerato.

NB Non parlo di sogni in cui ci si sente soffocare, poi ci si sveglia ed è tutto a posto, ovviamente parlo di una cosa un po' più complessa.


Ho fatto una ricerca in internet perchè l ultima volta è stata veramente "brutta" e mi sono svegliato più stanco, invece che riposato. Con un po' di difficoltà ho trovato questa richiesta di un utente in un forum medico che corrisponde esattamente a quello che ho rportato io.


"Nella notte, già da diversi anni e senza una regolarità ( a volte sto mesi senza problemi ), mi capita di "perdere" il respiro nella notte. Mentre dormo mi rendo conto che non riesco a respirare e si crea una situazione di panico, nel dormi-veglia, che non riesco a gestire perché pur sforzandomi di respirare, o anche solo di alzarmi, non ci riesco. In sintesi non riesco a svegliarmi pur rendendomi conto delle difficoltà respiratorie, ma una volta svegliato ciò non accade più ( se riprendo subito il sonno si ) " questo è un estratto..


ORA il thread non vuole indagare sui motivi medici (a me non capita spesso, anzi, qualche volta in un anno) legati alla respirazione etc, ci possono essere tante cause: reflusso, difficoltà nella respirazione, congestione, e patologie più complesse.
Non a caso la sera prima avevo il naso bloccatissimo, e respiravo solo con la bocca.
Comunque non è di questo che voglio parlare, non degli aspetti medici.


Vorrei sapere se, secondo voi, come alcuni dicono, la paralisi è indotta dal fatto che questo succeda quando il cervello è in fase rem, o meglio dire vicino alla fase rem (durante la quale il cervello è inibito nel dare ordini al corpo, per così dire) ma è possibile essere svegli, o almeno con gli occhi aperti.
E come mai l afasia? Vengono paralizzate anche le corde vocali?


Magari qualcuno sa come uscire da quello stato di angoscia e panico che si diffonde durante
questi episodi?


Sono ben accette esperienze in questo senso, anche di sonnambulismo (il quale è possibile, mi pare di capire, dal fatto che in alcuni la fase rem non ha la funzione di "paralisi")

sorry per la spataffiata ma dovevo buttarlo giù per stigmatizzarlo o non vado più a dormire tranquillo Smile
a me è successo una volta sola circa un anno fa, mi sono svegliato pensando che qualcuno mi stesse bloccando con le gambe sopra di me, non riuscivo a capire chi fosse visto che ero solo a casa, pochi secondi dopo realizzo che non c'è nessuno, provo a muovermi ma non ci riesco...mi riviene subito in mente sta storia delle paralisi notturne, mi tranquillizzo, respiro aspetto qualche secondo e riprovo a muovermi questa volta con successo... in effetti se non sai che è una semplice paralisi notturna prende più tosto male
é capitato un paio di volte anche a me, l'ultima poco tempo fa mi ha spaventata parecchio: mi sono svegliata e non riuscivo a muovermi e parlare, più passavano i secondi e più mi sembrava che il respiro e il battito cardiaco diminuissero d'intensità. era come se il mio corpo mi stesse ''abbandonando''. inoltre avvertivo una presenza accanto a me, cosa che mi ha terrorizzata. il tutto credo sia durato un paio di minuti, ma è stata un'esperienza davvero spiacevole. non son più riuscita ad addormentarmi Frown

ho fatto le tue stesse ricerche e mi ha tranquillizzato il fatto che sia un disturbo (concedimi il termine) non così raro, anzi, parlandone con mio fratello mi ha confermato che è capitato anche a lui.

copio un'analisi che ho trovato in giro per l'web che suggerisce come uscirne:

''si dice che per uscire da una paralisi bisogna cercare di muovere qualche parte del corpo e così ho iniziato a muovere le braccia...e qui nasce ľanalisi:

se il mio corpo è in paralisi e quindi sono impossibilitato a muoverlo come posso muovere qualche parte del corpo per uscire dalla paralisi?


Ho vigilato sulľeffetivo movimento delle mie braccia e, almeno in questo singolo caso, in realtà il movimento era mentale. Mi sono reso conto che non stavo muovendo realmente le braccia ma lo stavo facendo mentalmente mescolando la sensazione di movimento fittizia ad un movimento illusorio od onirico. Sono uscito dalla paralisi in pochi istanti ma senza un movimento reale.


Penso che nella paralisi siamo effettivamente distaccati dai comandi di controllo del corpo fisico ma ne siamo indirettamente connessi attraverso gli stimoli mentali che in quel momento sono collegati in parte ad uno stato illusorio onirico e in parte ad una possibile induzione degli stimoli fisici. L'uscire dalla paralisi partirebbe dunque da una sollecitazione mentale costante e ritardata. Dominare lo stato d'ansia proietterebbe un segnale più pulito verso i meccanismi di movimento fisici che prima deve essere interpretato dallo stato illusorio onirico e poi scendere verso il corpo fisico. Ansia e paura andrebbero a sporcare il canale in cui passa lo stimolo di movimento e quindi rallenterebbero la presa di coscienza del corpo fisico facendo perdere ľimpulso di movimento tra le immagini illusorie provocate da paura e ansia stesse.''
Ame è capitato 4 volte nella mia vita, le prime 2 sono state brutte, anche perchè oltre a paralisi mi sentivo cadere nel vuoto, il respiro era costante e il battito cardiaco invece molto accelerato...
Le altre 2 le ho vissute tranquillissimo, mi sono piaciute molto, la sensazione di cadere nel vuoto durante questi casi mi è sempre capitata, ma inevitabilmente dopo 10 - 15 secondi svanisce e riprendo il totale controllo, sempre il cuore che batte forte comunque...
Se la vivi bene come cosa sembra quasi di essere in Ketamina, e non stò scherzando!
più che altro prima di addormentarmi quella sera avevo frequenti "scosse al cervello" "brain zap" capito che intendo?
come se una scarica elettrica mi attraversi la nuca

e in realtà devo dire che questi episodi di "scosse" sono più frequenti, soprattutto se ho usato anfetamine
Ragazzi ora che ci penso, a voi è mai capitato di essere svegli, coscienti mentre dormite ma di non riuscire e muoversi in alcun modo? Provavo ad urlare e mi fischiavano le orecchie, provavo a muovermi la stessa cosa e più facevo resistenza più le orecchie e la testa erano sul punto di scoppiarmi.. Riuscivo solo ad aprire gli occhi
Detto così, sembra un normalissimo pavor nocturnus a cui, magari a causa dell' angoscia e ansia provate, si aggiunge ipertensione che ti crea acufene ed emicrania pulsante.
Direi ancora una paralisi del sonno...
Certo, ma quella è solitamente parte integrante del pavor nocturnus.

Come se io avessi detto occlusione intestinale e tu aggiungessi " direi anche violenti mal di pancia".
In verita' la paralisi ipnagocica e' vista come una casa a se'... Poi che ci siano delle somiglianze tra le due, non lo metto in discussione.
Secondo me, il problema sta nella presenza di terrore: se esso è presente, è alquanto difficile discriminare tra paralisi ipnagogica e pavor nocturnus.
Puo' darsi... Sinceramente la classificazione e nomenclatura dei "disturbi del sonno" non e' una cosa che non mi fa dormire la notte (scusate il gioco di parole Smile). Lascio questo compito agli uomini di scienza...
Scusate se mi intrometto ma la paralisi notturna ha attirato la mia attenzione!
Prima di andare a dormire fumo sempre e ormai non faccio un sogno come si deve da un botto(a parte quando faccio "escursioni oniriche"), da piccolo succedeva spessissimo di fare sogni lucidi. Il mio primo sogno lucido, fu un incubo lucido(quando ero piccolo gli incubi mi devastavano, stavo impaurito per giorni addirittura), sognavo sempre delle streghe e una notte trovandomi faccia faccia con una di queste le urlai che era solo un sogno e che mi sarei svegliato a breve. Da quel giorno era scattata qualcosa e mi capitava spesso di svegliarmi nei sogni, il più delle volte, prima mi pizzicavo e non sentivo dolore, poi(non per paura ma per mera curiosità) cercavo di aprire gli occhi nonostante li avessi aperti e poi li aprivo per davvero.

Spariti gli incubi fastidiosi ho iniziato ad avere vere e proprie apnee durante il sonno e la veglia! Facevo sogni in cui dovevo arrivare in un posto per respirare e non ci arrivavo mai, mi svegliavo poi proprio all'ultimo(all'ultimo veramente..) piangendo e tutto viola. Oppure semplicemente mi sveglio e il corpo non risponde.
Non potete capire cosa era all'inizio, quando ero piccolo, con mia madre accanto, non riuscivo a chiamarla, non riuscivo a muovermi o a respirare, panico, che aumentava il battito cardiaco e il bisogno di ossigeno
Essendo sempre soggetto a questo tipo di episodi ormai so gestirli, almeno una volta a settimana mi sveglio che sono morto, prima sto qualche secondo senza pensare, per cercare di rilassarmi, poi presa la "rincorsa" tutto in uno cerco di muovere qualcosa concentrandomi fortissimi, spesso le gambe o anche un dito.. Mi sveglio comunque sempre viola ma la paura non c'è più. Questa è paralisi notturna? Come la devo identificare? Secondo voi inoltre dovrei farmi controllare?
Per quale ragione fisiologica mi succede?


Edit: un'ultima cosaaaaaa, sempre quando ero piccolo, una notte ho iniziato a sentire dei passi che venivano verso la mia stanza. Non mi ero confuso, avevo la porta aperta e sentivo questi piedi scalzi camminare lentamente verso la mia stanza!
Ero convinto fosse una marmadra(mostro inventato da mio padre per avere paura la notte ed andare nel suo letto), ma le marmadre camminavano sui muri! Quindi ho iniziato a sentirla avvicinare strisciando sul muro! Ero bloccato, anche se respiravo e muovevo gli occhi, non potevo parlare ne muovermi! Passato 1 o 2 minuti il mostro non si avvicinava, ho iniziato ad ascoltare bene quel suono di mani appiccicose sulle pareti e ne rimasi sorpreso, la paura sparì e mi addormentai tutto d'un colpo!
A che devo questo strano episodio?
toti a écrit :Scusate se mi intrometto ma la paralisi notturna ha attirato la mia attenzione!
Prima di andare a dormire fumo sempre e ormai non faccio un sogno come si deve da un botto(a parte quando faccio "escursioni oniriche"), da piccolo succedeva spessissimo di fare sogni lucidi. Il mio primo sogno lucido, fu un incubo lucido(quando ero piccolo gli incubi mi devastavano, stavo impaurito per giorni addirittura), sognavo sempre delle streghe e una notte trovandomi faccia faccia con una di queste le urlai che era solo un sogno e che mi sarei svegliato a breve. Da quel giorno era scattata qualcosa e mi capitava spesso di svegliarmi nei sogni, il più delle volte, prima mi pizzicavo e non sentivo dolore, poi(non per paura ma per mera curiosità) cercavo di aprire gli occhi nonostante li avessi aperti e poi li aprivo per davvero.

Spariti gli incubi fastidiosi ho iniziato ad avere vere e proprie apnee durante il sonno e la veglia! Facevo sogni in cui dovevo arrivare in un posto per respirare e non ci arrivavo mai, mi svegliavo poi proprio all'ultimo(all'ultimo veramente..) piangendo e tutto viola. Oppure semplicemente mi sveglio e il corpo non risponde.
Non potete capire cosa era all'inizio, quando ero piccolo, con mia madre accanto, non riuscivo a chiamarla, non riuscivo a muovermi o a respirare, panico, che aumentava il battito cardiaco e il bisogno di ossigeno
Essendo sempre soggetto a questo tipo di episodi ormai so gestirli, almeno una volta a settimana mi sveglio che sono morto, prima sto qualche secondo senza pensare, per cercare di rilassarmi, poi presa la "rincorsa" tutto in uno cerco di muovere qualcosa concentrandomi fortissimi, spesso le gambe o anche un dito.. Mi sveglio comunque sempre viola ma la paura non c'è più. Questa è paralisi notturna? Come la devo identificare? Secondo voi inoltre dovrei farmi controllare?
Per quale ragione fisiologica mi succede?


Edit: un'ultima cosaaaaaa, sempre quando ero piccolo, una notte ho iniziato a sentire dei passi che venivano verso la mia stanza. Non mi ero confuso, avevo la porta aperta e sentivo questi piedi scalzi camminare lentamente verso la mia stanza!
Ero convinto fosse una marmadra(mostro inventato da mio padre per avere paura la notte ed andare nel suo letto), ma le marmadre camminavano sui muri! Quindi ho iniziato a sentirla avvicinare strisciando sul muro! Ero bloccato, anche se respiravo e muovevo gli occhi, non potevo parlare ne muovermi! Passato 1 o 2 minuti il mostro non si avvicinava, ho iniziato ad ascoltare bene quel suono di mani appiccicose sulle pareti e ne rimasi sorpreso, la paura sparì e mi addormentai tutto d'un colpo!
A che devo questo strano episodio?

Penso sia proprio una paralisi notturna; fisiologicamente avviene perchè ti svegli quando il corpo è ancora in paralisi dovuta alla fase REM e puoi avere allucinazioni di vario tipo; da quanto sò (non l'ho mai sperimentata) conviene non cercare di forzarla, ma rilassarti ed aspettare che passi prendendola il più serenamente possibile.
L'episodio quando è avvenuto? Perchè durante le paralisi le allucinazioni possono essere anche uditive.
In piena notta! Come puoi leggere da piccolo quasi ogni notte succedeva qualcosa di strambo!
Esatto, mantenere la calma e restare sereno, ma fidati che quando ti manca l'aria e non puoi mandare segnali di aiuto non riesci a stare calmo, io ci sono riuscito dopo 18 anni pensa un po' tu. La cosa paurosa è che prima succedeva che ci stavo per molto tempo, non appena mi accorgevo di non respirare saliva il panico, e fidati che ci sono state volte che sono rimasto anche 1 minuto, con i polmoni piccini di un bimbo e il panico che mi levava il poco ossigeno nel cervello :s
toti a écrit :Scusate se mi intrometto ma la paralisi notturna ha attirato la mia attenzione!
Prima di andare a dormire fumo sempre e ormai non faccio un sogno come si deve da un botto(a parte quando faccio "escursioni oniriche"), da piccolo succedeva spessissimo di fare sogni lucidi. Il mio primo sogno lucido, fu un incubo lucido(quando ero piccolo gli incubi mi devastavano, stavo impaurito per giorni addirittura), sognavo sempre delle streghe e una notte trovandomi faccia faccia con una di queste le urlai che era solo un sogno e che mi sarei svegliato a breve. Da quel giorno era scattata qualcosa e mi capitava spesso di svegliarmi nei sogni, il più delle volte, prima mi pizzicavo e non sentivo dolore, poi(non per paura ma per mera curiosità) cercavo di aprire gli occhi nonostante li avessi aperti e poi li aprivo per davvero. [...]

Sembrano paralisi notturne anche a me, per quanto la paralisi non dovrebbe comportare anche l'apnea notturna.. magari fai bene a chiedere a un forum di esperti, anche perché io per esempio non ho mai sperimentato l'apnea (per fortuna) e non saprei proprio come consigliarti. Non è possibile però che in realtà l'apnea duri molto di meno di quanto tu pensi, e poi ti svegli viola soprattutto per la paura e per il battito accelerato?


rango a écrit :eccolo qua:

yoga nidra | Yoga e Meditazione

a me ha provocato più volte delle visualizzazioni ad occhi chiusi...ma molto vivide, semplicemente seguendo la voce dell'insegnante, e lasciandomi andare

Sembra molto interessante, se trovo qualche corso in zona ci faccio un salto :grin:
Da buon onironauta non potevo non aprire una discussione simile, l'ho messa in primi passi perchè c'è anche quella sui sogni lucidi, lo scopo sarebbe quello di collezionare qualche report di chi le ha avute, oppure chiarire qualche dubbio se qualcuno ha delle domande.
Io personalmente di paralisi ne avrò avute circa 4 o 5 da quando ero piccolo, ora non mi capita più (purtroppo), non sono state molto interessanti nel senso che ero semplicemente paralizzato e se cercavo di urlare non usciva il minimo suono dalla mia bocca, questa è la sensazione più spaventosa secondo me.
Invece con le allucinazioni ipnagogiche sono stato ancora più "sfortunato" perchè ne ho avute alcune uditive anni fa ma ricordo troppo poco per descriverle, mentre visive ricordo solo di una volta che ero sdraiato sul divano e ad un tratto mi sto per addormentare con la TV accesa (cosa molto strana, ero veramente stanchissimo) e una strana creatura della quale ricordo solo i capelli tipo la bambina del film the ring (mi traumatizzò da piccolo) che mi toccò la faccia con una mano mostruosa, poi mi svegliai di colpo terrorizzato. Non era un sogno perchè l'ambiente era proprio il mio salotto com'è veramente, comunque non si possono confondere con i sogni perchè appunto l'ambiente in cui ci si trova rimane quello invariato e le sensazioni ad esempio di essere toccati, sono MOLTO vivide e reali a differenza dei comuni sogni.

Se altri hanno avuto esperienze simili, mi farebbe piacere leggerle Wink.

[ATTACH=CONFIG]14217[/ATTACH]
A me sta capitando spesso: sto per addormentarmi e sento come la"presenza" di un qualcuno o qualcosa accanto a me è odo delle voci in sottofondo. È stato orribile le prime volte, perché oltre alle descritte sensazioni non riesco a muovere un muscolo. Poi, restando calma e cercando di focalizzare l'attenzione su qualche altro pensiero riesco a "risvegliare" corpo e mente. Mi ci sto abituando perché, come ho detto, ultimamente mi capita almeno una volta ogni settimana.

(Credo che ci fosse già un 3d simile, mi ricordo di aver già descritto questi fatti, prima che fossero così ricorrenti)
La cosa migliore è rimanere calmi...più ti agiti più vai nel panico e non risolvi niente, anzi come ho già detto sono un ottimo metodo per compiere dei viaggi astrali o sperimentare altri fenomeni perchè in quel momento il corpo fisico sta ancora dormendo ma la mente è sveglia quindi sei in uno stato tra sonno e veglia. Le voci che senti sono proprio allucinazioni ipnagogiche, nel tuo caso uditive.
Probabilmente avrai postato una cosa simile in sogni lucidi.
Questa è una terrificante illustrazione di paralisi notturna:
[ATTACH=CONFIG]14220[/ATTACH]
Mi capita spesso di avere allucinazioni visive e uditive appena mi addormento (non solo quando mi addormento).
Non sono sempre di connotazione negativa, a volte sono visioni, suoni e sensazioni non definibili, che normalmente non si riescono a percepire o immaginare.
Altre volte faccio sogni di una lucidità impressionante, quasi sempre incubi. E soprattutto parlo e dico cose insensate per tutta la notte (mi hanno detto) XD
Io da quando ero piccolo che soffro di paralisi ipnagogiche.. ne ho avuta una poco tempo fa.. C'è stato un periodo un paio d'anni fa, che, oltre alla solita impossibilità di muoversi, ne di parlare ecc, avevo anche delle allucinazioni uditive..
All'inizio si sente a malapena un fruscio da lontano, poi piano piano il rumore inizia a trasformarsi in qualcosa di metallico, come un motore a pieni giri. Diventa sempre più forte finché non ti entra in testa, pensi di scoppiare, di morire. Il terrore aveva letteralmente preso possesso di me, terrificante.
Grazie a dio di creature non ne ho mai viste, altrimenti penso che mi prenderebbe un infarto ahah
FiloForla a écrit :Io da quando ero piccolo che soffro di paralisi ipnagogiche.. ne ho avuta una poco tempo fa.. C'è stato un periodo un paio d'anni fa, che, oltre alla solita impossibilità di muoversi, ne di parlare ecc, avevo anche delle allucinazioni uditive..
All'inizio si sente a malapena un fruscio da lontano, poi piano piano il rumore inizia a trasformarsi in qualcosa di metallico, come un motore a pieni giri. Diventa sempre più forte finché non ti entra in testa, pensi di scoppiare, di morire. Il terrore aveva letteralmente preso possesso di me, terrificante.
Grazie a dio di creature non ne ho mai viste, altrimenti penso che mi prenderebbe un infarto ahah
Ahahah ti è andata bene Wink, io purtroppo avendole avute anni fa non ricordo i rumori che sentivo, però la suggestione gioca brutti scherzi anche quando sei nel letto in piena notte dopo aver visto un film di paura (io mi cago addosso ed evito Smile ) ad esempio se mi concentravo su un rumore mi sembrava di sentire delle voci, pensavo di essere diventato paranoico!
Io da piccolo ero sonnambulo, poi durante l'adolescenza mi è passato.. Ma sono subentrate le allucinazioni e le paralisi. Le ho tuttora raramente, ma sapendo che non sono reali non mi spavento più.. Ma la prima che ho avuto (o almeno quella che ricordo meglio) mi ha traumatizzato per un po.
Ero al mare e dormivo nella mia stanza, ad un certo punto durante il sonno mi accorgo di stare sognando me stesso in quella stessa situazione. Mi alzo (sempre durante il sogno), mi metto al centro della stanza e mi osservo allo specchio che era di fronte a me. Dopo poco vedo riflesso nello specchio una figura nera volante proprio dietro di me... Mi giro ed è proprio li, mi viene addosso e io scappo... Spaventato mi sveglio: sono al centro della stanza per davvero. Non capendo più nulla di quello che stava succedendo ho urlato con tutta la mia voce e sono corso via, ho provato ad uscire anche di casa ma non sono riuscito ad aprire la porta, poi il mio urlo ha svegliato i miei genitori che mi hanno trovato per terra davanti alla porta terrorizzato... È stata un'esperienza orribile e per fortuna non mi è più successa.
Invece di allucinazioni meno forti ne ho avute molte, soprattutto uditive e visive insieme, tipo che spalancavo gli occhi, sentivo un suono simile al rumore che fanno i cibi quando vengono fritti nell'olio, e vedevo qualcosa di fronte a me che dopo 5 secondi spariva... Ed ovviamente ero immobile e se provavo ad urlare non succedeva niente...
TheChosenOne a écrit :Io da piccolo ero sonnambulo, poi durante l'adolescenza mi è passato.. Ma sono subentrate le allucinazioni e le paralisi. Le ho tuttora raramente, ma sapendo che non sono reali non mi spavento più.. Ma la prima che ho avuto (o almeno quella che ricordo meglio) mi ha traumatizzato per un po.
Ero al mare e dormivo nella mia stanza, ad un certo punto durante il sonno mi accorgo di stare sognando me stesso in quella stessa situazione. Mi alzo (sempre durante il sogno), mi metto al centro della stanza e mi osservo allo specchio che era di fronte a me. Dopo poco vedo riflesso nello specchio una figura nera volante proprio dietro di me... Mi giro ed è proprio li, mi viene addosso e io scappo... Spaventato mi sveglio: sono al centro della stanza per davvero. Non capendo più nulla di quello che stava succedendo ho urlato con tutta la mia voce e sono corso via, ho provato ad uscire anche di casa ma non sono riuscito ad aprire la porta, poi il mio urlo ha svegliato i miei genitori che mi hanno trovato per terra davanti alla porta terrorizzato... È stata un'esperienza orribile e per fortuna non mi è più successa.
Invece di allucinazioni meno forti ne ho avute molte, soprattutto uditive e visive insieme, tipo che spalancavo gli occhi, sentivo un suono simile al rumore che fanno i cibi quando vengono fritti nell'olio, e vedevo qualcosa di fronte a me che dopo 5 secondi spariva... Ed ovviamente ero immobile e se provavo ad urlare non succedeva niente...
Hai avuto un sogno lucido e come spesso accade hai incontrato un PO cioè una personaggio onirico che si presenta spesso ai sognatori lucidi (la figura nera che hai visto allo specchio) i PO sono delle incarnazioni dell'ego, che solo nel mondo onirico assumono una forma propria, nel tuo caso e anche per molti altri, una figura oscura. Dovresti capire di quale paura si tratta e cercare di sconfiggerla, altrimenti potresti incontrarla altre volte e comunque non può farti del male fisico.
eliruben a écrit :a me una volta è successo più di qualche volta che stavo dormendo e mi risvegliavo paralizzato e non potevo muovermi nel mio letto..una volta in particolare però mi è successo che ho aperto gli occhi e mi sono trovato una strana forma sopra sul mio stomaco che mi teneva bloccato e non mi faceva muovere e nemmeno riuscivo a parlare.. Un' altra volta ero in camion con mio zio in pausa lavoro ho preso sonno da seduto, eravamo dentro un poligono di tiro che era chiuso percui non c'era nessuno, all'improvviso ho alzato la testa e dalla porta davanti ho visto uscire due persone vestite di rosso ho richiuso gli occhi e mi sono svegliato e non c'era più nessuno e un'altra volta sempre in camion con quel mio zio (sarà una coincidenza?!) mi è successo che stavo dormendo e vedevo lui che mi stava tipo per prendere in maniera strana questo è difficile da spiegare..e l'ultima volta sempre con lui sempre il solito camion mentre dormivo mi sono improvvisamente alzato ho aperto il camion e sono sceso quando mi sono reso conto che ero fuori dal camion ho pensato...dove cazzo sto andando?? e mi sono svegliato che ero nuovamente sul camion..... questo è quello che ricordo... comunque oltre a dormire lavoravo pure Happywide ...ho letto che potrebbero essere dovuti a periodi di stress ma anche boh...
Trovarsi delle creature sullo stomaco è un classico, la maggior parte delle allucinazioni ipnagogiche sono simili poi dipende... sì spesso questi fenomeni derivano da periodi di stress, però, per le allucinazioni, succede se tu sei cosciente nel momento in cui stai per addormentarti cioè nella soglia tra veglia e sonno, questo indipendentemente dallo stress. Invece le paralisi, diversamente dalle allucinazioni che si verificano prima di addormentarsi, si verificano al risveglio e dipendono dalla fase REM di ognuno di noi.
Pages : 1 2