Psychonaut

Version complète : Paralisi Notturne e Allucinazioni Ipnagogiche/Ipnopompiche
Vous consultez actuellement la version basse qualité d’un document. Voir la version complète avec le bon formatage.
Pages : 1 2
Nella zona di Taranto ai bambini veniva raccontata la favola (macabra) del "Laùro", una creatura che la notte ti si poggia sul petto e ti toglie il respiro. Ci raccontavano che questi esseri sono le anime dei bambini morti prima di ricevere il battesimo. Un'altra parte della storia vuole che queste creature portino un cappello e che comincino a piangere in maniera straziante se si riesce a strapparglielo... sono disposte ad esaudire dei desideri purché venga loro restituito.
A me è capitato più volte di ricevere la visita del Laùro (ovviamente io non credo alle favole...) nel senso di avere di queste paralisi con apnea e impossibilità di urlare. Per anni non sono riuscito a dormire a pancia all'aria.
Più volte alla fine sono riuscito a urlare svegliando di soprassalto tutta la famiglia...
Un'altra volta ho avuto l'orrenda sensazione che qualcuno mi avesse afferrato per le caviglie e mi trascinasse, tirandomi, fuori dal letto. Vi lascio immaginare il terrore che ho provato.
Sono diversi anni che non mi accade più nulla del genere.
Un mio amico mi racconta delle sue paralisi notturne. Ora ci è abituato ma mi ha detto che le prime volte sono state terribili. Aveva allucinazioni (e questo può essere associato ai presunti rapimenti alieni durante il sonno e cose del genere) e anche lui ha visto un ombra nera che lo tirava per la caviglia come se volesse rapirlo portandolo fuori dalla finestra...

Ps. se siete interessati a esplorare meglio il mondo dei sogni vi consiglio l'artemisia che ormai uso molto spesso.

Scritto da Innervisions
Citation :A me sta capitando spesso: sto per addormentarmi e sento come la"presenza" di un qualcuno o qualcosa accanto a me è odo delle voci in sottofondo. È stato orribile le prime volte, perché oltre alle descritte sensazioni non riesco a muovere un muscolo. Poi, restando calma e cercando di focalizzare l'attenzione su qualche altro pensiero riesco a "risvegliare" corpo e mente. Mi ci sto abituando perché, come ho detto, ultimamente mi capita almeno una volta ogni settimana.

(Credo che ci fosse già un 3d simile, mi ricordo di aver già descritto questi fatti, prima che fossero così ricorrenti)

A me capita spesso mentre mi addormento di sentire voci di sottofondo, non che sia schizofrenico, sono voci leggere magari sentite durante la giornata. Ho chiesto a miei amici e anche alcuni di loro hanno la stessa cosa, sarà una cosa normale (saranno forse le droghe?..) anche se non abbiamo la paralisi.
So di gente che ha allucinazioni di vario tipo durante quella fase. Io ne ho avute soprattutto subito dopo essermi messo a letto stanchissimo dopo 24 ore che non dormivo.
Avrei potuto spaventarmi molto la prima volta pensando di essere impazzito, ma starsene rilassati e tranquilli è la cosa migliore. Ho avuto delle psicosi serie in passato, conoscendo la pazzia, e so che son tutte cose che possono succedere, è anche normale. La cosa peggiore è farsene un problema, spaventarsi, agitarsi, disperarsi... è bastato capirlo e stare calmo e si sono risolte da sole in poco tempo.

Ho scoperto che la fase di addormentamento è particolare per alcune droghe, per esempio alcuni sciamani assumono tabacco (il loro super potente nicotiana rustica) finchè svengono, e mentre sono svenuti hanno visioni mistiche. Se bevo un infuso di poco tabacco e vado a letto durante l'addormentamento ho delle visioni del genere.
Tutto ciò mi fa venire in mente il racconto Il baubau, di Stephen King.
IL BAUBAU (metto l'unico link dove l'o trovato visto che è corto, ma se lo volete leggere -consiglio sempre e comunque SK- credo sia meglio scaricare il pdf del libro e cercarlo, almeno per la punteggiatura...)
Pagan Atheist a écrit :Nella zona di Taranto ai bambini veniva raccontata la favola (macabra) del "Laùro", una creatura che la notte ti si poggia sul petto e ti toglie il respiro. Ci raccontavano che questi esseri sono le anime dei bambini morti prima di ricevere il battesimo. Un'altra parte della storia vuole che queste creature portino un cappello e che comincino a piangere in maniera straziante se si riesce a strapparglielo... sono disposte ad esaudire dei desideri purché venga loro restituito.
A me è capitato più volte di ricevere la visita del Laùro (ovviamente io non credo alle favole...) nel senso di avere di queste paralisi con apnea e impossibilità di urlare. Per anni non sono riuscito a dormire a pancia all'aria.
Più volte alla fine sono riuscito a urlare svegliando di soprassalto tutta la famiglia...
Un'altra volta ho avuto l'orrenda sensazione che qualcuno mi avesse afferrato per le caviglie e mi trascinasse, tirandomi, fuori dal letto. Vi lascio immaginare il terrore che ho provato.
Sono diversi anni che non mi accade più nulla del genere.
La seconda parte della storia, sul cappello mi mancava. La sensazione che qualcuno ti tirasse e tutto il resto ti succedeva da bambino? Perchè molte volte crescendo non si hanno più, come successo anche a me.
Stanotte mi è successa una cosa stranissima, mi sveglio per le 6 e decido di rimanere ancora un po' a letto, dopo una mezzora mi riaddormento però mi sento fluttuare, allora cerco di aprire gli occhi pensando "sto avendo una OOBE e ora vedrò il mio corpo dall'alto" invece mi trovo bloccato in "un'altra dimensione" cioè riuscivo ad aprire solo mezzo occhio e intravedevo quella che sembrava la mia camera ma era tutto molto confuso, pensavo di essere impazzito, continuavo a sforzarmi con tutto me stesso per aprire del tutto gli occhi e alla fine non ricordo come ci riesco e mi ritrovo normalmente nel letto a fissare il vuoto, incredulo per quello che era appena successo. E' stato terrorizzante...una sensazione di ansia e paura di non uscirne mai più indescrivibile.
edit
nooberto a écrit :Io ho paralisi notturne a volte e riesco ad avere allucinazioni uditive. Le trovo sempre fantastiche e non mi sono mai lasciato prendere dal panico. Non vi so dire se ho avuto pure quelle visive perchè non so se quelle che ho avuto si possano definire allucinazioni. Mi è successo un sacco di vedere delle cose durante queste paralisi. Quelle che vedevo erano sempre persone. Solo che non avevo pure il senso del tatto in confronto a loro. Inoltre era come se queste fossero delle visioni di vite passate e loro non interagivano con me, come se io li spiassi e loro non se ne accorgessero.
Se hai visto delle persone durante le paralisi direi proprio che si tratti di allucinazioni ipnagogiche, sia uditive che visive. In che senso erano delle visioni di vite passate? Cosa te l'ha fatto pensare? L'argomento vite passate è un'altra cosa che mi interessa moltissimo.
Renton a écrit :Stanotte mi è successa una cosa stranissima, mi sveglio per le 6 e decido di rimanere ancora un po' a letto, dopo una mezzora mi riaddormento però mi sento fluttuare, allora cerco di aprire gli occhi pensando "sto avendo una OOBE e ora vedrò il mio corpo dall'alto" invece mi trovo bloccato in "un'altra dimensione" cioè riuscivo ad aprire solo mezzo occhio e intravedevo quella che sembrava la mia camera ma era tutto molto confuso, pensavo di essere impazzito, continuavo a sforzarmi con tutto me stesso per aprire del tutto gli occhi e alla fine non ricordo come ci riesco e mi ritrovo normalmente nel letto a fissare il vuoto, incredulo per quello che era appena successo. E' stato terrorizzante...una sensazione di ansia e paura di non uscirne mai più indescrivibile.

La maggior parte delle parole citate sono totalmente sconosciute da me , ma qui trovo un qualcosa di familiare...
Qualche volta mi capita una cosa strana , simile a questa ma allo stesso tempo differente e un po complicata da spiegare :
mi trovo nel bel mezzo di un incubo , ed io dopo un po mi rendo conto che sto sognando...allora cerco con tutte le mie forze di aprire gli occhi , e dopo mille sofferenze e sforzi incredibili ci riesco per poi trovarmi in un altro sogno!Cioè , praticamente sogno di dormire e fare un incubo!
Non lo so , la notte mi capitano tante di quelle cose strane che non voglio pensarci.
Sono anche sonnambulo , raramente per fortuna...anche perché il problema è che io non ricordo niente!
Una mattina mi sveglio e mia madre incazzata come una bestia non mi parla per un giorno intero , accusandomi di essermi preso chissa quale droga allucinogena la notte...dopo un po scoprimmo che quella notte che avevo assunto le sembianze di diabolik nel corridoio di casa in realtà dormivo , questo grazie alla settimana successiva la quale mi è capitato di nuovo...
Per fortuna quella è stata la mia ultima gita notturna...Sai non è il top fare la pipi sull'aspirapolvere nuovo di tua madre!
Karonte a écrit :La maggior parte delle parole citate sono totalmente sconosciute da me , ma qui trovo un qualcosa di familiare...
Qualche volta mi capita una cosa strana , simile a questa ma allo stesso tempo differente e un po complicata da spiegare :
mi trovo nel bel mezzo di un incubo , ed io dopo un po mi rendo conto che sto sognando...allora cerco con tutte le mie forze di aprire gli occhi , e dopo mille sofferenze e sforzi incredibili ci riesco per poi trovarmi in un altro sogno!Cioè , praticamente sogno di dormire e fare un incubo!
Non lo so , la notte mi capitano tante di quelle cose strane che non voglio pensarci.
Sono anche sonnambulo , raramente per fortuna...anche perché il problema è che io non ricordo niente!
Una mattina mi sveglio e mia madre incazzata come una bestia non mi parla per un giorno intero , accusandomi di essermi preso chissa quale droga allucinogena la notte...dopo un po scoprimmo che quella notte che avevo assunto le sembianze di diabolik nel corridoio di casa in realtà dormivo , questo grazie alla settimana successiva la quale mi è capitato di nuovo...
Per fortuna quella è stata la mia ultima gita notturna...Sai non è il top fare la pipi sull'aspirapolvere nuovo di tua madre!
Ahahaha non sei l'unico a cui succedo cose strane di notte...tranne che il sonnambulismo, di quello soffrivo da bambino (sì da piccolo avevo tutti i problemi sul sonno esistenti) comunque quella di non riuscire a tornare nella realtà cercando in tutti i modi di aprire gli occhi, penso sia la cosa peggiore di tutte proprio non lo sopporto mi mette un'angoscia addosso indescrivibile, infatti ormai quando sto per trovarmi in quella situazione me ne rendo conto ancora prima cioè quando sto ancora sognando e mi dico "ci risiamo mi toccherà di nuovo lottare con tutte le mie forze per aprire sti cazzo di occhi".
A me succede spessissimo, quasi con regolaritá. Mi sveglio, ma sono ad occhi chiusi, non respiro e sono totalmente paralizzato.
Quamdo ero piccolo questi episodi avvenivano con più regolarità, e ovviamente erano più spaventosi. Ricordo che mi innervosiva il fatto di non riuscire a chiamare mia madre.
Io ho cercato e chiesto un po' in giro per sapere la natura fisiologica dell'episodio, ma niente di soddifacente.

Personalmente ogni volta che mi sveglio in quello stato, prima passo 3/4 secondi a rendermene conto, poi mi rilasso(essendoci abituato), faccio tipo per prendere la rincorsa e con tutta la forza del mondo provo fortemente a muovere una parte del corpo localizzata e mi libero. Basta far muovere anche di un cm la gamba, il collo etc.
Se avviene durante la notte gli episodi si susseguono
toti a écrit :A me succede spessissimo, quasi con regolaritá. Mi sveglio, ma sono ad occhi chiusi, non respiro e sono totalmente paralizzato.
Quamdo ero piccolo questi episodi avvenivano con più regolarità, e ovviamente erano più spaventosi. Ricordo che mi innervosiva il fatto di non riuscire a chiamare mia madre.
Io ho cercato e chiesto un po' in giro per sapere la natura fisiologica dell'episodio, ma niente di soddifacente.

Personalmente ogni volta che mi sveglio in quello stato, prima passo 3/4 secondi a rendermene conto, poi mi rilasso(essendoci abituato), faccio tipo per prendere la rincorsa e con tutta la forza del mondo provo fortemente a muovere una parte del corpo localizzata e mi libero. Basta far muovere anche di un cm la gamba, il collo etc.
Se avviene durante la notte gli episodi si susseguono
Nel thread sulle paralisi ho cercato di spiegare il fenomeno al meglio, magari dacci un'occhiata.
Nullè a écrit :che bell'argomento! Da una paio di anni mi sto interessando attivamente ai sogni lucidi e ora riesco ad averli con regolarità, sembrava impossibile quando ho cominciato ma con tanta pazienza sto finalmente esplorando i territori del sogno. Su questo ho sempre cercato di conservare un approccio quanto più "scientifico" possibile perche in parole povere avevo paura di rimanerci sotto, cioè cominciare a pensare troppo che la realtà del sogno fosse reale, alla fine mi è capitato per le mani un manualetto pratico scritto da uno psicologo sulle ricerche scientifiche per come indurre il sogno lucido e da li mi si è aperto un mondo! Il discorso è molto lungo e se ora mi metto a parlare di tutti i viaggi che mi sono fatto nei sogni non la finisco più... Una delle cose più utili è avere un diario dei sogni, e inoltre chiedersi più volte al giorno, con concentrazione, se si sta sognando, riassumendo questa è la tecnica, in parole povere, con il tempo i sogni lucidi compariranno spontaneamente, gradualmente, molto gradualmente, fino ad arrivare periodi di picco dove in una settimana si possono fare 7-8 sogni lucidi, e anche 3 nella stessa notte. Nota dolente per chi come me ama l'erba è che più si fuma erba meno si ricordano i sogni, e il joint della buona notte, che è il mio preferito, leva l'80% delle possibilità di ricordarsi il sogno.

Il discorso è lungo e complesso, la cosa per me più interessante sono i diversi gradi di coscienza che sperimento, le persone che incontro e le conoscenze che cerco di acquisire. Alla fine secondo me più che i sogni lucidi in se per se è interessante l'esplorazione dei sogni, poi durante questa esplorazione può capitare che l'oservatore sia cosciente di essere anche osservato, e si ha la lucidità, ma anche i sogni non lucidi sono esperienze meravigliose e molto significative che vale la pena di esplorare.
Scrivendo i sogni si acquista l'abilità di ricordarli completamente, nei più insignificanti particolari, i ricordi dei sogni di solito vengono velocemente dimenticati per ragioni prettamente biochimiche, anche se si sa ancora poco a riguardo... Nei primissimi minuti dopo il risveglio, sopratutto meglio ancora se dopo un sogno, la biochimica del cervello sta ancora un po sognando, ed è un momento di passaggio tra i due mondi, i sensi esterni sostituiscono i sensi interni, se si comincia a scrivere in questo momento la logica cattura quello che apparterrebbe all'inconscio, e si può scrivere a ritroso tutto il sogno che si è fatto per tutta la notte.

Io sono sicuro che ognuno di noi sogna parecchio ogni notte, ore credo, solo che ce lo dimentichiamo, e non è vero che i sogni possono durare solo sette minuti, ho pagine e pagine con lo stesso sogno che continua e conserva coerenza, solo che non melo sarei mairi ricordato se non mi fossi allenato per due anni a farlo!

Per chi fosse interessato questo è il manuale, consiglio di stamparlo si legge molto meglio):
http://www.humantrainer.com/articoli/te ... lucido.pdf
Hai mai provato a dormire e risognare dentro ad un sogno? Secondo me tu potresti riuscirci, io quando nel sogno ci provo , mi è capitato solo due volte di ricordarlmi di fsrlo, mi sveglio, magari tu ci riesci e vedi che succede Wink
Sball0n a écrit :Hai mai provato a dormire e risognare dentro ad un sogno? Secondo me tu potresti riuscirci, io quando nel sogno ci provo , mi è capitato solo due volte di ricordarlmi di fsrlo, mi sveglio, magari tu ci riesci e vedi che succede Wink
A me succede spesso, c'è anche il falso risveglio cioè pensi di esserti svegliato e inizi a svolgere azioni quotidiane poi ti accorgi che c'è qualcosa che non va e capisci di essere ancora in un sogno.
A me è successo di avere una paralisi nel periodo di adattamento al sonno polifasico. Era l'anno scorso o poco più e avevo intenzione di abituarmi al sonno polifasico, metodo Dymaxion, uno dei più tirati e molto difficile da mettere in pratica seriamente. E' stata un' esperienza fantastica, perennemente in fase REM ad ogni sonnellino con sogni molto vividi e per me, che mi riesce difficilissimo ricordare i sogni, è stata una manna!! Una giornata, mentre mi stavo addormentando per il sonno pomeridiano, ho percepito come se il cervello fosse ancora acceso e il corpo fosse già addormentato, ragionavo ancora, percepivo di essere nel mio salotto e di essere al buio ma ho provato a muovere gambe o braccia senza nessun risultato. Mi sono addormentato del tutto poco dopo ma ricordo benissimo la paralisi e mi piacque come esperienza! Purtroppo ho dovuto mollare il polifasico a causa dei miei ( sveglie a tutto volume ad ore folli ogni giorno non è il massimo :lol: ) ma penso sia un bel trampolino per esperienze del genere!!
Renton a écrit :Ahahaha non sei l'unico a cui succedo cose strane di notte...tranne che il sonnambulismo, di quello soffrivo da bambino (sì da piccolo avevo tutti i problemi sul sonno esistenti) comunque quella di non riuscire a tornare nella realtà cercando in tutti i modi di aprire gli occhi, penso sia la cosa peggiore di tutte proprio non lo sopporto mi mette un'angoscia addosso indescrivibile, infatti ormai quando sto per trovarmi in quella situazione me ne rendo conto ancora prima cioè quando sto ancora sognando e mi dico "ci risiamo mi toccherà di nuovo lottare con tutte le mie forze per aprire sti cazzo di occhi".

Karonte a écrit :La maggior parte delle parole citate sono totalmente sconosciute da me , ma qui trovo un qualcosa di familiare...
Qualche volta mi capita una cosa strana , simile a questa ma allo stesso tempo differente e un po complicata da spiegare :
mi trovo nel bel mezzo di un incubo , ed io dopo un po mi rendo conto che sto sognando...allora cerco con tutte le mie forze di aprire gli occhi , e dopo mille sofferenze e sforzi incredibili ci riesco per poi trovarmi in un altro sogno!Cioè , praticamente sogno di dormire e fare un incubo!
Non lo so , la notte mi capitano tante di quelle cose strane che non voglio pensarci.
Sono anche sonnambulo , raramente per fortuna...anche perché il problema è che io non ricordo niente!
Una mattina mi sveglio e mia madre incazzata come una bestia non mi parla per un giorno intero , accusandomi di essermi preso chissa quale droga allucinogena la notte...dopo un po scoprimmo che quella notte che avevo assunto le sembianze di diabolik nel corridoio di casa in realtà dormivo , questo grazie alla settimana successiva la quale mi è capitato di nuovo...
Per fortuna quella è stata la mia ultima gita notturna...Sai non è il top fare la pipi sull'aspirapolvere nuovo di tua madre!

Perchè cercare in tutti i modi di svegliarsi o aprire gli occhi? Se avete capito che un sogno, anche se un incubo non vedo perchè fuggirne. Può diventare un bel sogno mrgreen
Ho letto (ed anche provato) che se in queste situazioni cerchi di comunicare, di trattare con amore ciò che ti terrorizza il sogno si trasforma in qualcosa di positivo, come di solito anche la figura che passa a sembianze più umane e benevole.
Mi è successo con un cane feroce, che è diventato una leonessa e poi una ragazza (e non ero lucido); o una volta da lucido con un cavallo sott'acqua che spaventato mi colpiva, l'ho accarezzato sul muso, abbracciato ed è diventato mia sorella con cui mi sono ritrovato nella mia stanza!
0rion a écrit :Perchè cercare in tutti i modi di svegliarsi o aprire gli occhi? Se avete capito che un sogno, anche se un incubo non vedo perchè fuggirne. Può diventare un bel sogno mrgreen
Ho letto (ed anche provato) che se in queste situazioni cerchi di comunicare, di trattare con amore ciò che ti terrorizza il sogno si trasforma in qualcosa di positivo, come di solito anche la figura che passa a sembianze più umane e benevole.
Mi è successo con un cane feroce, che è diventato una leonessa e poi una ragazza (e non ero lucido); o una volta da lucido con un cavallo sott'acqua che spaventato mi colpiva, l'ho accarezzato sul muso, abbracciato ed è diventato mia sorella con cui mi sono ritrovato nella mia stanza!
Non so se hai mai provato quello che ho scritto, ma ti assicuro che non è un semplice incubo quindi in fase di sonno profondo, quello che dico io avviene in stato di dormiveglia quindi sei mezzo sveglio e mezzo addormentato e ti assicuro che è davvero angosciante e in quel momento non stai a pensare come modificare questo stato ma solo ad aprire gli occhi e ritrovarti nella tua stanza.
Renton a écrit :Non so se hai mai provato quello che ho scritto, ma ti assicuro che non è un semplice incubo quindi in fase di sonno profondo, quello che dico io avviene in stato di dormiveglia quindi sei mezzo sveglio e mezzo addormentato e ti assicuro che è davvero angosciante e in quel momento non stai a pensare come modificare questo stato ma solo ad aprire gli occhi e ritrovarti nella tua stanza.

Pensavo si parlasse di sogni, non di allucinazione ipnagogiche!
Non le ho mai sperimentate, perciò ti dico quel che ho letto; in questo caso bisognerebbe tentare di rimanere tranquilli e non farsi prendere dal panico (facile a dirsi eh!), perchè l'ansia aumenta ancora di più lo stato di paralisi e cercare di lasciarsi andare all'epserienza sapendo che non può succedere niente al corpo! Wink
Stanotte mi è successo di nuovo.... Una specie di incubo interattivo (non trovo modi migliori per dirlo). Premessa: prima di addormentarmi avevo fumato (anche se gli effetti erano praticamente finiti) e guardato in Tv il programma 1000 modi per morire su DMAX..non so se ciò può influire, anche perché non era la prima volta che seguivo questa routine prima di dormire... Ma ora veniamo ai fatti.
Mi addormento sereno, dopo circa 40 minuti apro improvvisamente gli occhi e "sento" una presenza maligna molto vicina a me, non la vedo ma la sento chiaramente. Esco di corsa dalla mia stanza e mi "rifugio" nella stanza che vedo libera più vicina, chiudo la porta e la tengo chiusa a forza. Arrivano i miei genitori dicendo di aprire, torno in me, apro la porta e torno a dormire come se nulla fosse (tutto questo è successo in 1 minuto). Non ero sonnambulo, ero sveglissimo e spaventato, poi appena ho sentito le voci dei miei mi sono calmato di colpo come se nulla fosse.
Oggi non sono minimamente scosso o turbato, anzi sono quasi sorpreso perché non mi succedeva da un sacco di tempo... Spiegazioni? Grazie Smile
TheChosenOne a écrit :Stanotte mi è successo di nuovo.... Una specie di incubo interattivo (non trovo modi migliori per dirlo). Premessa: prima di addormentarmi avevo fumato (anche se gli effetti erano praticamente finiti) e guardato in Tv il programma 1000 modi per morire su DMAX..non so se ciò può influire, anche perché non era la prima volta che seguivo questa routine prima di dormire... Ma ora veniamo ai fatti.
Mi addormento sereno, dopo circa 40 minuti apro improvvisamente gli occhi e "sento" una presenza maligna molto vicina a me, non la vedo ma la sento chiaramente. Esco di corsa dalla mia stanza e mi "rifugio" nella stanza che vedo libera più vicina, chiudo la porta e la tengo chiusa a forza. Arrivano i miei genitori dicendo di aprire, torno in me, apro la porta e torno a dormire come se nulla fosse (tutto questo è successo in 1 minuto). Non ero sonnambulo, ero sveglissimo e spaventato, poi appena ho sentito le voci dei miei mi sono calmato di colpo come se nulla fosse.
Oggi non sono minimamente scosso o turbato, anzi sono quasi sorpreso perché non mi succedeva da un sacco di tempo... Spiegazioni? Grazie Smile
Io solo poche volte fumo prima di dormire perchè non voglio che il sonno dipenda da questo, però quelle poche volte mi addormento subito e fino al mattino senza interruzioni quindi non ho nessun fenomeno onirico, mentre il programma che hai guardato sono quasi sicuro che non centri nulla, se avessi guardato un film pauroso ok, avrebbe potuto influire, ma non è il tuo caso. In conclusione la mia ipotesi è che qualcosa abbia interrotto la tua fase in cui stavi entrando nel sonno profondo, perchè 40 minuti non sono abbastanza per essere in fase di sonno profondo, quindi una semplice caduta di un oggetto o un rumore forte bastano per svegliarti, ma nel tuo caso, come succede a me alcune volte al mattino, invece di svegliarti normalmente sei rimasto nella famosa unione di sonno e veglia (come spiegavo qualche post fa) quindi eri tra un incubo e la realtà.
Ho una spiegazione anche per la presenza malvagia, a me non è mai successo ma ho letto in un forum a cui sono iscritto sui sogni lucidi (non posso fare nomi) che ci sono diverse allucinazioni ipnopompiche ricorrenti, cioè viste da molte persone, TRA CUI DEGLI ESSERI BASSI E GRIGI, CIO' SPIEGHEREBBE IL FENOMENO DELLE ABDUCTION, ho usato il caps perchè ci tengo a sottolineare questa teoria, cioè GLI ABDUCTION (rapimenti alieni) POTREBBERO ESSERE SEMPLICI ALLUCINAZIONI IPNAGOGICHE/IPNOPOMPICHE. Altre entità oniriche ricorrenti sono gli uomini fumo. In poche parole quella presenza maligna che hai sentito, si trattava quasi sicuramente di un'allucinazione ipnagogica.
Spero di aver chiarito i tuoi dubbi, in caso contrario chiedi pure Wink.
Chiarissimo Renton!! Grazie mille sapevo che avresti risolto i miei dubbi Smile

Quindi in poche parole, in quello stato un'allucinazione ipnagogica mi è sembrata talmente reale da scappare via... Abbastanza pericoloso :/

Come si fa ad evitarlo? Nel senso, c'è un modo per rendersi conto istantaneamente che non è reale? Oppure nella fase tra sonno e veglia è impossibile "ragionare"?
Di solito le allucinazioni sono esseri mistici e sovrannaturali tipo gnomi, alieni, uomini fumo, ombre animate, quindi si capisce che non sono reali ma questo non vuol dire che non ti caghi addosso comunque mrgreen. Nella fase tra sonno e veglia effettivamente non ragioni per niente, almeno a me capita un po' di volte e vado sempre nel panico, in quel momento voglio solo aprire gli occhi e far finire tutto, poi magari una persona dotata di grande autocontrollo riesce a rilassarsi e risolvere tutto con molta calma.

Ps. appena riceverò la conferma da Arimane aprirò uno stickytopic sull'onironautica e tutto ciò che riguarda il sonno, se avrà successo si aprirà una sottosezione, spero che tu come molti altri utenti interessati contribuirete a questo progetto Smile.
quindi un esempi di allucinazione ipnagogica è stare distesi sul letto, e osservando sopra di sé, guardare il cielo; quindi ancora osservarsi (tu in piedi che guardi te stesso) disteso sul tetto; e subito poi rimpiombare (svegli) ad osservare il soffitto della stanza?!?
Abej^a G. a écrit :quindi un esempi di allucinazione ipnagogica è stare distesi sul letto, e osservando sopra di sé, guardare il cielo; quindi ancora osservarsi (tu in piedi che guardi te stesso) disteso sul tetto; e subito poi rimpiombare (svegli) ad osservare il soffitto della stanza?!?
si.
Pages : 1 2