S’enregistrer Bienvenue sur le forum de Psychonaut, un espace de discussion autour des produits psychoactifs et de l’exploration de l’esprit.

Pour prendre part aux discussions, n'hésitez pas à vous inscrire. Nous serions heureux de vous compter parmi nous !

S’enregistrer


Seconda esperienza, truffles Atlantis - Chi sono io?

#1
Esperienza decisamente significativa da vari punti di vista, ma non mi dilungherò troppo in quanto, essendo stata quasi del tutto introspettiva, mi riesce estreamamente difficile comunicare molti dei concetti più importanti. Enjoy :nod:

Data: febbraio 2015
Sostanza: Psylocibe Atlantis
Assunzione: Mangiati da soli, buttati giù solo con acqua
Dosaggio: 13g secchi
Setting: Casa di un amico, ora di pranzo

Premettendo che mi sono reso conto solo dopo l'esperienza di aver fatto l'errore di prendere i tartufi dopo una serata piuttosto pesante, con addosso la stanchezza dovuta alle poche ore di sonno e alla rimastezza dovuta a tutti i joints della sera prima, ecco l'esperienza:

Siamo in 5: Io, la mia ragazza, G. (che ha condiviso con me il mio primo viaggio con la psylocibina, ma che oggi fa da sitter), Q. (proprietario della casa), e B. . Li prendiamo e ci mettiamo subito nella buia stanza adibita a home cinema, facendo partire Inception. Dopo un po' i primi effetti: il tappeto rosso si deforma, la stanza mi sembra illuminata da luci di 5 colori diversi quando c'è un'unica lampada centrale a luce bianca, le luci dell'amplificatore e del resto dell'impianto sono decisamente affascinanti e ho come l'impressione che il televisore si stacchi dal muro e inizi a levitare davanti ai miei occhi, stando in aria in mezzo alla stanza. Il film è un viaggio, non solo per la trama di Inception decisamente adeguata al momento, ma anche per il fatto che da un certo punto in poi io ho iniziato a vedere tutti i volti (miei amici compresi) come se fossero rettiliani o serpenti, niente di spaventoso. Dopo un'ora che è sembrata durarne almeno 4 (dilatazione del tempo mostruosa, il film sembra durato una giornata intera), usciamo per fumare qualche canna. Tornati dentro io sono nel picco del viaggio ed inizia la parte introspettiva: mi perdo una buona mezz'ora del film concentrandomi solo sulle lucine colorate sottostanti al televisore e intanto penso. Penso a quanto sia strana quella che chiamiamo realtà, e anzi se davvero esista qualcosa di reale e non sia tutto un parto della nostra mente, tutto finto (questa è stata una parte un po' inquietante a dire il vero, ma ad esperienza conclusa posso dire che mi è comunque servito come insegnamento e devo farne tesoro). Cerco di spiegare un concetto abbastanza difficile da esprimere, che però credo meriti qualche riga perchè è fondamentale per capire questa parte del trip. Lo metto isolato dal resto del racconto da due a capo in modo che se non avete voglia di leggerlo o non si capisce perchè non riesco a spiegarlo bene potete tranquillamente saltarlo.

Noi possiamo identificare vari "stati di coscienza" (ad esempio quando siamo svegli e lucidi, svegli e ubriachi, addormentati, mentre sogniamo, in trance, ipnosi, meditazione, sotto psichedelici ecc.) e tendiamo in automatico a prenderne uno (in questo caso svegli e lucidi) come punto di riferimento, in modo da poter dire che quella è la "realtà" e tutto il resto sono stati alterati, che perciò non sono "reali" e in quanto tali non hanno valore. In quel momento, la mia visione era cambiata nel senso che non avevo più uno stato di riferimento e perciò reputavo qualunque stato di coscienza in cui io potessi trovarmi come irreale e senza significato. In tutto questo non solo era scomparso il mondo esterno, ma anche il film, i miei amici e la stanza: ero io di fronte a me stesso (metaforicamente, si intende) e non esisteva nient'altro. Ma se i miei stati di coscienza non hanno valore, io non esisto? O peggio, se qualunque sia il mio stato di coscienza posso considerare esso reale poichè non c'è alcuna legge che mi impone che ce ne sia uno principale e gli altri secondari, se andassi in bad trip, esso sarebbe reale e non avrei più alcuna realtà alla quale aggrapparmi alla disperata ricerca di una consolazione. Per chi ha letto The Doors Of Perceptino di Huxley, credo di aver percepito, seppur per un attimo ed in lontananza, cosa si prova ad essere schizofrenici. Comunque sia, al viaggio sono seguiti diversi giorni di riflessione, per catalogare e cercare di dare un senso e, forse, un abbozzo di spiegazione, a tutto ciò che ho assimilato (o, come credo sia meglio dire, mi è stato mostrato), arrivando alla conclusione che ho intrapreso la via giusta con le considerazioni sbagliate, nelle quali domina una visione negativa del tutto dalla quale non ci si deve lasciare scoraggiare, bensì continuare nel proprio percorso per cercare di scoprire cosa si cela, perdonatemi la citazione un po' scontata, nella tana del bianconiglio.

Ritornando al viaggio, oltre a quelli già descritti gli effetti visuali sono stati scarsi, ma non erano quelli che cercavo quindi non ci ho dato troppo peso. Penso che molte volte tutto ciò che i più grandi maestri della storia hanno tentato di insegnare alle masse sia stato frainteso non tanto a causa di lacune culturali o dialettiche, bensì ad un mancato percorso individuale. Se io ho imparato così tanto in poche ore grazie a questa meravigliosa sostanza, che potenziale assurdo abbiamo con la prospettiva di una vita intera da sfruttare? Il problema sta nel fatto che una persona che sia stata capace di sfruttare questo potenziale non potrà mai cercare di trasmettere ciò che ha imparato a qualcuno che non ha seguito un percorso analogo, per la stessa incomunicabilià delle esperienze su cui, ora capisco perchè, Huxley insiste tanto. Nella discesa del viaggio morivamo di fame, così abbiamo preparato una pasta (10 minuti INTERMINABILI), abbiamo finito il film accompagnato da qualche pausa joint, e per ora di cena ognuno a casa propria.
Lo sapevo, mi sono dilungato troppo nonostante mi fossi imposto di non farlo. Beh, spero che qualcuno abbia voglia di leggerselo tutto, mi piacerebbe discutere su argomenti del genere con gente che ha più esperienza di me nel campo della psichedelia. Il messaggio che mi è stato impresso a caratteri cubitali nella mente è stato "C'è qualcos'altro", e penso che, per quanto forse non troveremo le risposte che ci aspettiamo e alle volte nemmeno risposte piacevoli, abbiamo il dovere di indagare, come è successo per le terre emerse, anche agli Antipodi della Mente, e scoprire la grande verità che si cela nel profondo dell'interminabile tana del Bianconiglio. Questo viaggio ha sollevato in me numerose domande più che darmi risposte, lasciandomi con un dubbio profondo su un quesito col quale credevo di avere familiarità ed una certa dimestichezza, che non ha fatto altro che sgretolarmisi davanti agli occhi, come un irraggiungibile miraggio: Chi sono io?
"...ma nella gonna di Giuditta potei vedere chiaramente ciò che, se fossi stato un pittore di genio, avrei potuto vedere nei miei vecchi calzoni di flanella. Non molto, sa Iddio, in paragone con la realtá, ma abbastanza per far loro comprendere almeno un poco del vero significato di ciò che nella nostra patetica imbecillità chiamiamo "mere cose" e trascuriamo preferendo la televisione." (Aldous Huxley)
#2
"Io Sono"
Letto il post di rango che ho messo sulla firma mia?! :smirk:

Cmq qualche illuminato ti darebbe retta, "la realtà non esiste. Ciò che viene chiamato mondo sono solo pensieri"
#3
MindSlave a écrit :
Noi possiamo identificare vari "stati di coscienza" (ad esempio quando siamo svegli e lucidi, svegli e ubriachi, addormentati, mentre sogniamo, in trance, ipnosi, meditazione, sotto psichedelici ecc.) e tendiamo in automatico a prenderne uno (in questo caso svegli e lucidi) come punto di riferimento, in modo da poter dire che quella è la "realtà" e tutto il resto sono stati alterati, che perciò non sono "reali" e in quanto tali non hanno valore. In quel momento, la mia visione era cambiata nel senso che non avevo più uno stato di riferimento e perciò reputavo qualunque stato di coscienza in cui io potessi trovarmi come irreale e senza significato. In tutto questo non solo era scomparso il mondo esterno, ma anche il film, i miei amici e la stanza: ero io di fronte a me stesso (metaforicamente, si intende) e non esisteva nient'altro. Ma se i miei stati di coscienza non hanno valore, io non esisto? O peggio, se qualunque sia il mio stato di coscienza posso considerare esso reale poichè non c'è alcuna legge che mi impone che ce ne sia uno principale e gli altri secondari, se andassi in bad trip, esso sarebbe reale e non avrei più alcuna realtà alla quale aggrapparmi alla disperata ricerca di una consolazione. Per chi ha letto The Doors Of Perceptino di Huxley, credo di aver percepito, seppur per un attimo ed in lontananza, cosa si prova ad essere schizofrenici. Comunque sia, al viaggio sono seguiti diversi giorni di riflessione, per catalogare e cercare di dare un senso e, forse, un abbozzo di spiegazione, a tutto ciò che ho assimilato (o, come credo sia meglio dire, mi è stato mostrato), arrivando alla conclusione che ho intrapreso la via giusta con le considerazioni sbagliate, nelle quali domina una visione negativa del tutto dalla quale non ci si deve lasciare scoraggiare, bensì continuare nel proprio percorso per cercare di scoprire cosa si cela, perdonatemi la citazione un po' scontata, nella tana del bianconiglio.


eh, questo tipo di ragionamento nel mio caso esce sempre fuori quando si assumono psichedelici; secondo me gli 'stati di coscienza' di cui parli non sono altro che filtri posti tra noi e il mondo, e la mia sensazione quando sono sotto effetto è che il filtro non ci sia proprio, riesco a percepire l'essenza di tutte le cose. Finito l'effetto poi i pensieri volano; cosa ho visto veramente?? chi lo sa Happywide
Un uomo senza religione è come un pesce senza bicicletta (Arthur Bloch)
#4
Abej^a G. Mi piace molto "Io sono" come risposta, il post della firma lo leggo più tardi, sembra interessante Smile Ne approfitto qui dato che non ho ancora i MP, hai ottenuto qualche informazione sulla meditazione visuale in quel post in inglese? Mi interessa un sacco!

misterbo, siamo sicuri ci sia un "veramente"? è questo il punto Smile
"...ma nella gonna di Giuditta potei vedere chiaramente ciò che, se fossi stato un pittore di genio, avrei potuto vedere nei miei vecchi calzoni di flanella. Non molto, sa Iddio, in paragone con la realtá, ma abbastanza per far loro comprendere almeno un poco del vero significato di ciò che nella nostra patetica imbecillità chiamiamo "mere cose" e trascuriamo preferendo la televisione." (Aldous Huxley)
#5
MindSlave a écrit :
misterbo, siamo sicuri ci sia un "veramente"? è questo il punto Smile

assolutamente no Happywide e non penso ci sia una risposta a tutto ciò....
Un uomo senza religione è come un pesce senza bicicletta (Arthur Bloch)
#6
Ma praticamente si basa sul sentire.. immaginare situazioni.. qualche giorno fa pensavo ad una ragazza a cui voglio bene mentre meditavo/placavo la mente, e mi faceva stare bene. È questo. Tutto lì.

Però ti dico, leggendo Il Segreto del Fiore d'Oro di Lu Tung-Pin (lo consiglio a tutti!!):
Acquieta la mente o prima di mezzogiorno o dopo mezzanotte, senza prefissarti una durata. Il tutto sta nel respirare senza che le orecchie ascoltino lo stesso respiro. Tutto lì.

Respiro quieto e volgere interiormente la luce/che altro non è l'accentratura del cuore di cui ci parlava il nostro don Eligio grazie ad Hamsadana

(I link di don Eligio sono nel primo post del link della respirazione sulla mia firma)

:smirk: :rock:


Misterbo: senti l'essenza appunto, lo dici anche tu.

È solo amore se amore sai dare

:rock:
#7
Chiaro, vedrò di leggerlo allora grazie mille c:
"...ma nella gonna di Giuditta potei vedere chiaramente ciò che, se fossi stato un pittore di genio, avrei potuto vedere nei miei vecchi calzoni di flanella. Non molto, sa Iddio, in paragone con la realtá, ma abbastanza per far loro comprendere almeno un poco del vero significato di ciò che nella nostra patetica imbecillità chiamiamo "mere cose" e trascuriamo preferendo la televisione." (Aldous Huxley)


Topics apparemment similaires...
  Esperienza truffles Mexican Alfaprivativo 0 1,665 23/09/2015 21:55
Dernier message: Alfaprivativo
  Come prepararsi a un'esperienza con la DMT? Shivaya. 5 3,214 17/09/2015 14:14
Dernier message: Shivaya.
  "Mamma ho perso la password" - MODs guardate qui che ci sono bestemmie XD Natur4l 24 1,550 16/08/2015 22:22
Dernier message: Natur4l
  Sondaggio: Ci sono sostanze che non proveresti mai? scaramouche 55 4,747 10/07/2015 22:58
Dernier message: Powder
  esperienza 1p-lsd (1p-candyflip) vinjazz 7 1,747 09/04/2015 18:36
Dernier message: GattoNero
  Prima esperienza Truffles Pajaritos MindSlave 4 827 13/02/2015 20:56
Dernier message: MindSlave
  magic truffles tolleranza ilconta 7 876 30/10/2014 20:27
Dernier message: ilconta
  Ciao Io sono il numero 112 0 148 Il y a moins de 1 minute
Dernier message:
  Esperienza marijuana 0 204 Il y a moins de 1 minute
Dernier message:
  Le spore sono illegali? 0 200 Il y a moins de 1 minute
Dernier message:



Utilisateur(s) parcourant ce topic : 1 visiteur(s)

À propos de Psychonaut

Psychonaut.fr est une communauté d'auto-support francophone, dédiée à l'information et à la réduction des risques liés à l'usage des substances psychoactives.