S’enregistrer Bienvenue sur le forum de Psychonaut, un espace de discussion autour des produits psychoactifs et de l’exploration de l’esprit.

Pour prendre part aux discussions, n'hésitez pas à vous inscrire. Nous serions heureux de vous compter parmi nous !

S’enregistrer


I viaggi psichedelici possono curare la PTSD ed altre malattie mentali?

#1
[aspettando zurigo! mrgreen cose che più o meno sappiamo ma che sono sempre buone da ricordare. scusate per la traduzione]


Con Tom Shroder 17 novembre



[Image: lsdexcerpt-0031415728991.jpg?uuid=Ct7loG..._WWYGSpEjQ]
(AP)


Dopo più di 30 anni in cui sono stati considerati sostanze psichedeliche, i farmaci hanno cominciato ritornare, questa volta come potenziali rimedi per una serie di malattie difficili da curare. Studi pilota e studi clinici di LSD, psilocibina, ketamina e MDMA hanno dimostrato che i farmaci, spesso in combinazione con la terapia della parola, possono essere dati in sicurezza sotto controllo medico potendo aiutare le persone dipendenti da oppiacei e tabacco, alcolismo, ansia , depressione, e disturbo da stress post-traumatico, o PTSD .


Potenzialità non sorprendenti per molti ricercatori. Una generazione di scienziati e operatori aveva usato sostanze psichedeliche con successo su migliaia di pazienti fino a quando la ricerca è stato vietata nel 1970, dopo che i farmaci sono stati abbracciati da una controcultura che sembrava minacciare lo status quo.


Nella reazione di panico, gli psichedelici sono stati elencati insieme all'eroina nei più alti gradini del proibizionismo. Ironia della sorte, questo non è riuscito a fermare l'uso ricreativo. Come un ricercatore ha messo, "E 'stato come se le droghe psichedeliche erano da riscoprire."


[Image: lsdexcerpt-0061415737331.jpg?uuid=cUgK8m..._WWYGSpEjQ]
Sequestro di 300 francobolli imbevuto di LSD. (AP / Carabinieri Ufficio Stampa)


Ma un piccolo gruppo di psichiatri e ricercatori, spesso rischiando la carriera e la reputazione, si è battuto per portare gli psichedelici in laboratorio ed in clinica.
A partire dal 1990, la Food and Drug Administration ha approvato i primi studi clinici sull'uomo di droghe psichedeliche in un quarto di secolo. Entro il 2004, il primo processo FDA ha approvato l'uso medicinale di una droga psichedelica, in questo caso una prova di terapia di MDMA assistita per PTSD coinvolge 24 soggetti. Ora tali studi si moltiplicano.

"Per oltre 30 anni ho lavorato per rendere l'approvazione della FDA di psicoterapia psichedelica più di un sogno", dice Rick Doblin, fondatore e direttore della Associazione Multidisciplinare senza scopo di lucro per Psychedelic Studies. "Ora il castello in aria ha un fondamento sotto di essa e sta diventando una realtà imminente."


Come iniziò LSD

La moderna ricerca di sostanze psichedeliche ha avuto inizio con la scoperta accidentale delle proprietà che alterano la coscienza di dietilamide dell'acido lisergico (LSD era il suo acronimo in tedesco) di Albert Hofmann, chimico per una ditta farmaceutica svizzera. Hofmann andava alla ricerca di un composto che poteva stimolare la circolazione e la respirazione, quando ha unito derivati ​​della segale funghi e ammoniaca; sperimentazione animale iniziale che inizialemente non aveva nulla degno di nota, tranne una strana irrequietezza negli animali.



[Image: PHO-06Jan13-24822.jpg?uuid=Bc8uZGnLEeSjHHd1n8HqzA]
Albert Hofmann, il chimico svizzero che ha scoperto la droga LSD che altera la mente, i colloqui durante il simposio "LSDisappointed Problem Child and Wonder Drug" a Basilea, in Svizzera. (Siggi Bucher / Reuters)



Ma per ragioni che Hofmann potrebbe spiegare solo come "strano presentimento", ha risintetizzato il composto cinque anni più tardi, nel 1943, esponendosi accidentalmente ad esso, facendo il primo viaggio di LSD della storia. "In uno stato onirico, con gli occhi chiusi," scriveva Hofmann, "ho percepito un flusso ininterrotto di immagini fantastiche, forme straordinarie con un intenso e caleidoscopico gioco di colori." Ha giustamente capito che una tale drammatica alterazione della coscienza da una sostanza chimica sarebbe di grande interesse per la scienza giovane della psichiatria.


A metà degli anni 1950, i ricercatori avevano sperimentato l'amministrazione LSD e psichedelici naturali come la mescalina (dal peyote, cactus mesoamericano) per facilitare la terapia della parola per una vasta gamma di disturbi psichici. Prove che coinvolgono centinaia di pazienti e migliaia di dosi di sostanze psichedeliche sono stati condotte in Europa Canada e Stati Uniti, e la maggior parte dei ricercatori hanno riportato risultati positivi e, in alcuni casi, risultati quasi miracolosi.

Nel 1954, in un ospedale inglese un intero reparto era sotto terapia di LSD, con pazienti che avevano una grave e cronica resistenza al trattamento della malattia mentale. Gli psichiatri concludevano che 61 dei 94 pazienti erano migliorati o addirittura completamente recuperati dopo sei mesi.

Nel 1960, un medico di nome Sydney Cohen esaminava i risultati di 44 medici che avevano somministrato 25.000 dosi di LSD o mescalina a 5.000 persone in condizioni molto diverse. Cohen ha trovato "nessuna istanza di effetti collaterali fisici gravi o prolungati" o prove di potenziale dipendenza sia in quei processi o nella letteratura più ampia sugli studi della droga psichedelica. Egli ha trovato reazioni psicologiche avverse - tra cui l'ansia acuta e pause psicotiche - stabilendo che erano rari, e per lo più relativi alle preesistenti malattie mentali.

"Considerando l'enorme portata delle reazioni psichiche che induce," Cohen ha concluso, "LSD è un farmaco sorprendentemente sicuro."



[Image: lsdexcerpt-0011415728991.jpg?uuid=BrA-Fm..._WWYGSpEjQ]

Timothy Leary studia una pittura fatta da un altro utente LSD in uno studio in una casa a Millbrook, NY (Hal Mathewson / New York Daily News Archive via Getty Images)


[Image: lsdexcerpt-0021415728991.jpg?uuid=CLXmUm..._WWYGSpEjQ]

Leary affronta una folla di hippies alla "Human Be-In", che ha contribuito ad organizzare nel Golden Gate Park di San Francisco, in California. In 14 gennaio 1967. (Robert W. Klein / AP)




Rivoluzionando la psichiatria

Nel giro di pochi anni dalla scoperta di Hoffmann, i chimici sono stati sorpresi nell'apprendere che la sostanza nel sangue chiamata serotonina, nota per contrarre il muscolo del piccolo intestino e restringere i vasi sanguigni, è stato trovata anche nel cervello. Non avevano idea dell'importanza di quella scoperta fino a quando, nel 1954, un ricercatore notava che la struttura chimica della serotonina portava una somiglianza con quella della LSD. La somiglianza delle due molecole, insieme con il noto potere dell'LSD di modificare il modo di pensare e sentire, accese la luce in quei ricercatori che ritenevano inaugurata la scienza moderna del cervello .

La ricerca ha messo in chiaro che la serotonina colpiva umore e pensieri, e che l'LSD e altre droghe psichedeliche lavoravano sul cervello e su di essa. La serotonina si è rivelata essere una delle molte sostanze che regolano e facilitano l'attività cerebrale; tali sostanze sono chiamate neurotrasmettitori perché aiutano i segnali di trasferimento da un neurone del cervello al successivo. La serotonina è molto meno abbondante rispetto agli altri neurotrasmettitori, ma sembrava avere un impatto fuori misura, coinvolgendo se stessa nella regolazione dell'appetito, del sonno, della memoria e dell'apprendimento, della temperatura, dell'umore, del comportamento, per la contrazione muscolare e nella funzione del sistema cardiovascolare e endocrino.

Poiché le molecole degli psichedelici sono fisicamente simili alla serotonina, i due si inseriscono negli stessi recettori nel cervello, come due chiavi in ​​una serratura. Le specifiche di come gli psichedelici interagiscono con i recettori della serotonina per produrre un viaggio che altera la mente rimane misterioso e controverso. Gli indizi più interessanti provengono da studi che utilizzano la risonanza magnetica funzionale, o fMRI, una tecnologia relativamente nuova, dipendente dalle proprietà magnetiche di flusso del sangue per creare immagini di un cervello in funzione.

Nel 2012, i ricercatori dell'Imperial College di Londra pubblicato i risultati di uno studio in cui nei volontari viene somministrata psilocibina, per poi osservare il loro cervello tramite una risonanza magnetica funzionale. Dato il noto assalto della esperienza psichedelica sui sensi - lampeggiante modelli visivi, colori intensi, suoni avanzate, travolgenti visioni ed emozioni - i ricercatori si aspettavano di vedere una maggiore attività cerebrale, trovata in alcune scansioni precedenti.



Effetti cerebrali

Invece, i loro schermi registravano una ridotta attività, sembrando un errore fino a quando non veniva confermata da un'altra scansione fMRI, correlata con le relazioni dei partecipanti: maggiore è la diminuzione delle attività cerebrale, più intensa è l'esperienza psichedelica.

L'attività diminuita non era uniforme in tutto il cervello. Aree task-oriented del cervello, come quelle associati a vedere e in movimento, avevano diminuizioni solo nominali. Ma le aree di maggiore complessità - quelle associate alle immagine di sé, all'introspezione e nell'immaginare il passato od eventi futuri, hanno mostrato una notevole diminuzione nelle attività. Questo legava bene con le relazioni dei soggetti, che non hanno avuto una significativa compromissione del motore, ma parlavano di sperimentare una perdita dell'ego, un signficato insolito nella percezione degli oggetti, ed alterazioni drammatiche nella loro esperienza del tempo.


[Image: lsdexcerpt-0041415728992.jpg?uuid=DYf37G..._WWYGSpEjQ]
Un volontario partecipa ad un progetto di ricerca LSD in Viejas, Calif., Nel 1966. Questi studi sono stati vietati nel 1970. (AP)



I ricercatori hanno notato due collegamenti interessanti con altri studi: un cervello su psilocibina portava una sorprendente somiglianza con il cervello di un meditatore esperto durante la meditazione profonda. E le aree del cervello con una diminuzione dell'attività causata dalla psilocibina erano le stesse regioni che mostravano cronicamente maggiore attività in persone con depressione clinica.

"Siamo motivati ​​a pensare al potenziale di questo farmaco più seriamente attraverso i risultati di imaging del cervello", ha detto Robin Carhart-Harris, ricercatore capo dello studio dell'Imperial College. "Le regioni iperattive in depressione sono disattivate ​​dalla psilocibina. . . si adattano con le segnalazioni aneddotiche di utilizzatori di droghe psichedeliche, sentendosi in un rinnovato agio con la vita dopo queste esperienze, meno gravati da stress della vita quotidiana. "

Che Carhart-Harris ha trovato ancora più interessante era l'attività relativa delle diverse aree del cervello che sembravano lavorare in simbiosi, piuttosto che in opposizione.
La ricerca che utilizza le scansioni fMRI durante la coscienza normale rivela che quando la parte introspettiva del cervello - la parte che organizza i pensieri di auto - è attiva, la parte che scruta il mondo esterno quieta, e viceversa. Ma dopo la somministrazione di psilocibina, quelle aree si muovono su e giù insieme. Potrebbe questo passo di blocco tra la messa a fuoco introspettiva ed esterna essere legata al sentimento di "unità" con il mondo che le persone che hanno preso la psilocibina spesso usano per descrivere la loro esperienza?

Relative esperienze specifiche di cambiamenti generali dell'attività cerebrale è un business rischioso, reso ancor più pericoloso perché l'affidabilità di base di interpretazioni fMRI è controversa. Tuttavia, i risultati fMRI sono stati utili a spiegare perché la psilocibina, e per estensione altri psichedelici, potrebbero contribuire a migliorare la salute mentale.



[Image: lsdexcerpt-0071415811011.jpg?uuid=-T7kmG..._WWYGSpEjQ]


Le scansioni cerebrali mostrano perché le sostanze psichedeliche potrebbe essere utili.
Queste immagini appaiono in "Implicazioni per la psicoterapia psichedelica assistita: studio funzionale risonanza magnetica con la psilocibina," uno studio 2012 sul British Journal of Psychiatry. Le attivazioni della prima fase sono mostrate in arancio, la tardo attivazione di fase in traslucido rosso scuro. L'emisfero sinistro è mostrato sulla destra. (Per gentile concessione di Royal College of Psichiatri)

Nel 2004, Michael Mithoefer, uno psichiatra a Charleston, SC, è stato il primo a vincere l'approvazione della FDA per gli studi clinici utilizzando MDMA - noto informalmente come ecstasy - per trattare PTSD. Mithoefer esorta terapeuti nel non tentare di dirigere la sessione, ma di concentrarsi sulla creazione di un clima di sicurezza trasparenza e fiducia nella propria "intelligenza per la guarigione interiore". Potrebbe suonare come un gioco di prestigio, ma Mithoefer lo ha spiegato in questo modo:

"Quando ho lavorato in ER, qualcuno è venuto con uno squarcio sul braccio pieno di ghiaia. Non sapevo come guarirlo. In un'infezione non c'è sufficiente apporto di sangue, a causa di un corpo estraneo. Quindi, in un certo senso, il nostro lavoro al pronto soccorso è quello di rimuovere gli ostacoli [per la guarigione].

"Penso che sia molto simile con la psiche".

Torsten Passie, un ricercatore tedesco professore di psichiatria alla Harvard, ha sviluppato un legame intrigante tra la recente ricerca neurobiologica e l'idea di Mithoefer sull'MDMA che permetterebbe alla mente di muoversi naturalmente verso la guarigione .



Brutti ricordi

In circostanze normali, la ricerca ha dimostrato che vista, suoni, profumi, e sensazioni dei nostri organi sensoriali, entrano in una regione del centro del cervello chiamata talamo. Il talamo distribuisce i dati alle più sofisticate regioni del cervello coinvolte con il pensiero cosciente. Il materiale trattato - filtrato per contesto e valutato per la significatività - viene restituito al talamo, che poi lo deposita nell'ippocampo, dove viene memorizzato come memoria.

Nel caso di una esperienza fortemente traumatica, la capacità del cervello superiore al processo è travolto, secondo Passie, e un metodo più primitivo per memorizzare la memoria riprende. La memoria sensoriale del trauma - che è ancora impigliata con l'emozione associata a quel momento - passa attraverso il talamo e viene memorizzato direttamente nell'ippocampo senza trasformazione nelle parti più sofisticati del cervello.

Questi ricordi, ancora legati alla risposta di paura, sono una minaccia costante per la consapevolezza, come flashback, incubi, ipervigilanza o rabbia, potendo innescare il riflesso di lotta o fuga centrato nell'amigdala. L'amigdala, sostiene Passie, agisce come una guardia, cercando di sopprimere la memoria traumatica non trasformata per non immetterla nella coscienza. Non è un accordo sano. La costante tensione di avere in segreto brutto nascosto nel seminterrato del cervello avvelena la psiche, che si agita intorno al dolore, creando sintomi autodistruttivi di PTSD.

Studi di scansione del cervello sostengono l'idea che l'amigdala repressiva è iperattiva nelle persone con PTSD, mentre il potere di razionalizzazione del cervello superiore è soppressa. Gli studi dimostrano anche il contrario per qualche dato con l'MDMA; il farmaco stimola la corteccia prefrontale e sopprime l'amigdala. (Questi risultati si allineano con le segnalazioni di persone negli studi clinici di MDMA. Uno degli effetti della firma della droga è una drastica riduzione nella paura, un senso di "protezione", accoppiata con nuove intuizioni.)

Passie teorizza che, come l'amigdala calmi "la guardia" sotto l'influenza del farmaco, i ricordi traumatici possono riemergere dall'ippocampo per poi inviarli per l'elaborazione più alto. Il ritrattamento è assistito dalla marea di ormoni MDMA per essere rilasciato, come il cortisolo, associato con l'apprendimento emotiva, l'ossitocina e la prolattina. Questi ormoni sono rilasciati in modo simile nei momenti immediatamente precedenti e successivi all'orgasmo - un evento conosciuto genera sentimenti di intensa emozione, di sicurezza, di vicinanza e di benessere - esattamente gli stati mentali noti per promuovere innovazioni in psicoterapia. Ora, finalmente, ci sono le condizioni del cervello che permettono ricordi traumatici per essere adeguatamente contestualizzati e integrati nella personalità in modo sano.



Un disegno a pastelli

Mentre Passie è incoraggiato dai progressi nella comprensione resi possibili dalla ricerca della scansione cerebrale, avverte che la scienza è ancora nella sua infanzia. Non c'è alcuna garanzia che queste teorie terrà, bisogna chiaramente condurre studi più ampi. "Questo è più come un disegno a pastelli della funzione del cervello di un dipinto ad olio" dice.

Nel frattempo, le esperienze cliniche accumulate negli studi di terapie psichedeliche indicano una più ampia comprensione del perché potrebbero essere efficaci. In un recente studio in cui la psilocibina è stato data a 15 fumatori recidivi, l'80 per cento è riuscito a rimanere senza fumo sei mesi dopo il trattamento di 15 settimane. L'autore dello studio principale, Matthew W. Johnson, professore associato di psichiatria e scienze comportamentali alla Scuola di Medicina dell'Università John Hopkins, sostiene che "smettere di fumare non è una semplice reazione biologica di psilocibina, come con altri farmaci che influenzano direttamente i recettori della nicotina, invece", sostiene Johnson, "quello che è cambiato nel comportamento dei fumatori era l'esperienza soggettiva che avevano quando prendevano psilocibina:" Quando viene somministrata dopo un'attenta preparazione e in un contesto terapeutico, la psilocibina può portare ad una profonda riflessione sulla propria vita e suscitare la motivazione al cambiamento ".

Questa osservazione è simile a quello che gli psichiatri Humphry Osmond e Abram Hoffer concludevano nel 1950 quando avevano un grande successo con la terapia LSD per aiutare gli alcolisti a smettere di bere. Hoffer ed Osmond avevano così successo che il governo canadese nel 1960 stabilì che l'LSD non era più un trattamento sperimentale per l'alcolismo, ma uno studio che si era dimostrato efficace.

"Come regola generale," scrive Hoffer, "coloro che non hanno avuto l'esperienza trascendentale non sono cambiati, continuano a bere. Tuttavia, la gran parte di coloro che l'hanno avuta, sono cambiate. "



Shroder è l'autore di " Acid Test: LSD, ecstasy, e il potere di guarire "(Cavaliere Azzurro Press), da cui questo articolo è adattato.






Can psychedelic trips cure PTSD and other maladies? - The Washington Post
' a écrit :
dio balla / god dances

ed è felice / and he's happy


Albert Einstein:

«
Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella realtà. Non c’è un’altra via. Questa non è filosofia. Questa è fisica.»

«Everything is energy and that’s all there is to it. Match the frequency of the reality you want and you cannot help but get that reality. It can be no other way. This is not philosophy. This is physics.»




Topics apparemment similaires...
  Mdma v.s. Ptsd Leary-Huxley 0 602 07/02/2015 20:22
Dernier message: Leary-Huxley
  "Utilizzare gli psichedelici saggiamente", Stolaroff Abej^a G. 4 1,576 27/01/2015 14:49
Dernier message: Abej^a G.
  Psichedelici e schizofrenia Abej^a G. 0 838 29/12/2014 15:49
Dernier message: Abej^a G.
  In Russia la miniera di sale dai colori psichedelici sd&m 3 1,406 29/10/2014 11:22
Dernier message: MENE
  Gli psichedelici potrebbero impedire ai criminali la reiterazione del reato sd&m 6 941 11/01/2014 15:11
Dernier message: aryaman
  Funghi allucinogeni per curare la depressione sd&m 0 1,178 11/04/2013 19:10
Dernier message: sd&m
  Funghi allucinogeni per curare la depressione 0 533 Il y a moins de 1 minute
Dernier message:



Utilisateur(s) parcourant ce topic : 1 visiteur(s)

À propos de Psychonaut

Psychonaut.fr est une communauté d'auto-support francophone, dédiée à l'information et à la réduction des risques liés à l'usage des substances psychoactives.