S’enregistrer Bienvenue sur le forum de Psychonaut, un espace de discussion autour des produits psychoactifs et de l’exploration de l’esprit.

Pour prendre part aux discussions, n'hésitez pas à vous inscrire. Nous serions heureux de vous compter parmi nous !

S’enregistrer


Come prepararsi ad un'avventura psichedelica immersi nella natura

#1
La natura è uno dei posti più affascinanti dove poter vivere un'esperienza psichedelica. Sarà sufficiente realizzare alcuni semplici preparativi e si potrà vivere un'esperienza indimenticabile.Circolano numerosi suggerimenti sui preliminari necessari per poter sperimentare un viaggio psichedelico ideale. Secondo Tim Leary, il modo migliore per conseguire questo obiettivo è l'utilizzo di una camera galleggiante di deprivazione sensoriale, dove le sensazioni corporee sono ridotte al minimo. Nella tradizione popolare del Sud America, le sostanze psichedeliche sono considerate soprattutto in un contesto cerimoniale, dove le sinergie vengono condivise tra tutti i partecipanti. Negli anni '60, l'LSD veniva assunto soprattutto in festival o grandi raduni. Ancora oggi i festival sono considerati un buon pretesto per vivere questo tipo d'esperienza. Tuttavia, chi preferisce sperimentare sensazioni in un contesto più tranquillo e rilassato può sempre optare per la natura selvaggia, perfetta per sperimentare la migliore psichedelia.Vivere un'esperienza psichedelica immersi nella natura apre nuove connessioni percettive sulla bellezza circostante e su tutti i più sottili concetti della vita. In particolare, tutte le sostanze enteogene che nascono dalla terra, come funghi e tartufi magici, cactus, Salvia, Ayahuasca ecc., tendono a indurre un profondo senso di interconnessione, leggermente diverso da quello indotto dalle formule chimiche di sostanze sintetizzate come LSD, 2CB o MDMA. Per essere sicuri di vivere un'esperienza indimenticabile in mezzo alla natura, è sufficiente seguire alcuni semplici accorgimenti, come:

1. DIGIUNARE PRIMA DI AFFRONTARE IL VIAGGIO


Sarebbe sempre opportuno digiunare. Alcune persone decidono di seguire un rigido digiuno per 12-24 ore prima di assumere la sostanza, altri invece preferiscono iniziare con una colazione leggera e un po' di frutta all'ora di pranzo. Sta a voi trovare il giusto equilibrio, se affrontare un viaggio con un po' di riserve energetiche o a stomaco completamente vuoto.

2. SE NON AVETE ESPERIENZA NEL MONDO PSICHEDELICO, SAREBBE OPPORTUNO AVERE AL PROPRIO FIANCO UN AMICO SOBRIO


Anche se un "trip sitter" non è fondamentale per l'esperienza in sé, un amico sobrio può essere di grande aiuto, soprattutto quando non si ha molta esperienza. Un buon amico può gestire la situazione in modo intelligente, come una guida, interagendo con le persone circostanti o, semplicemente, seguendo e condividendo le migliori vibrazioni. Ovviamente, è sempre meglio avere accanto un "trip sitter" completamente lucido o, eventualmente, sotto gli effetti di una leggera dose di sostanza psichedelica, il giusto per sintonizzarsi con l'ambiente circostante.

3. SCEGLIERE IL POSTO MIGLIORE


Come molti di voi sapranno, il "set and setting", ovvero la situazione personale e l'ambiente circostante in cui ci si trova, influisce direttamente sul viaggio psichedelico. Il "set" è quello che sentite dentro di voi al momento dell'esperienza, mentre il "setting" è tutto ciò che vi circonda. Quando si vive un'esperienza di questo genere all'aria aperta, immersi nella natura, si apprezzano le migliori percezioni sensoriali, senza incorrere in pericoli e in folle di persone. Scegliere una buona location all'aria aperta offre la possibilità di fare piacevoli passeggiate, dove apprezzare tutta la scintillante bellezza della natura ed esplorare nuovi sentieri nascosti ed intriganti. In alcune occasioni, si viene colti dall'irrefrenabile desiderio di rotolarsi nel fango, abbracciare alberi o parlare ad una roccia. È per questo motivo che bisogna sempre essere accompagnati da persone lucide, che non abbiano perso completamente la testa. E, infine, bisogna ovviamente scegliere un luogo totalmente sicuro, privo di qualsiasi pericolo. Non vorrete certo uscire su tutti i giornali come gli avventurieri precipitati in un dirupo dopo aver provato qualche fungo magico.
[Image: Psychedelic_Nature_3.jpg]

4. PORTARSI APPRESSO ALCUNI STRUMENTI INDISPENSABILI


Non bisogna esagerare con il peso da portarsi appresso, ma alcuni accessori potrebbero sempre tornare utili. Se la capienza di un piccolo zaino non è sufficiente vuol dire che state esagerando.Protezione solare
Quando si stanno contemplando le meraviglie di un bosco da favola si potrebbe non badare all'intensità dei raggi solari, rischiando di prendere una brutta insolazione e avere spiacevoli scottature della pelle. Tuttavia, si può facilmente evitare utilizzando un cappello e/o creme solari, ancora prima di intraprendere l'avventura.
Acqua
Quando si sta vivendo un'esperienza psichedelica non si avverte la necessità d'idratarsi bevendo acqua. Il pensiero di bere qualcosa potrebbe non sfiorarvi minimamente ma, quando gli effetti iniziano a scemare, un sorso d'acqua potrebbe risultarvi molto piacevole. Cercate di mantenervi sempre ben idratati.
Cibo
Ancora più di quanto succeda con l'acqua, è molto difficile che vi baleni l'idea di mangiare un boccone nel bel mezzo di un viaggio psichedelico. A volte può succedere di avvertire un leggero languorino, ma bisogna cercare di resistere alla tentazione. Quando si è sotto gli effetti di una sostanza psichedelica i meccanismi digestivi sono rallentati e mangiare un semplice boccone potrebbe rendere l'esperienze meno piacevole e più difficile da affrontare. Tuttavia, quando gli effetti iniziano a diminuire, uno spuntino può essere di grande aiuto. La merenda ideale consiste in frutta fresca e frutta secca, soprattutto noci.
Strumenti con cui esprimere la propria creatività
Nel bel mezzo del viaggio, a seconda della dose assunta, si potrebbero avvertire forti allucinazioni e pensieri piuttosto complessi da elaborare. Una volta raggiunto il picco, la nostra essenza più creativa potrebbe improvvisamente affiorare e disporre di qualche oggetto con cui esprimere la propria creatività potrebbe risultare molto divertente. Gli oggetti più semplici, come un quaderno, un foglio su cui disegnare o un piccolo tamburo, potrebbero fare prendere al viaggio una piega completamente diversa. Suonare uno strumento musicale può essere un veicolo con cui guidare il cammino psichedelico, mentre la giocoleria può risultare incredibilmente divertente, soprattutto quando le percezioni appaiono sensibilmente sintonizzate. Portatevi sempre appresso un oggetto con cui passare questi magici istanti.

DOPO IL VIAGGIO


È inutile dire che non bisogna assolutamente guidare. Sebbene ci si possa sentire in piena forma e perfettamente lucidi, molto probabilmente le pupille sono ancora dilatate e la mente non del tutto sobria. Prendere un mezzo di trasporto pubblico potrebbe risultare altrettanto spiacevole, per cui cercate sempre di vivere l'esperienza a pochi passi da casa o, ancora meglio, di accamparvi in un bosco tutta la notte.Quando gli effetti sono ormai svaniti, è giunta l'ora di ingerire un buon pasto nutriente. Un viaggio psichedelico consuma molte energie e bisogna essere pronti a ripristinarle, appena la situazione lo consenta. Ricordatevi di mangiare solo quando gli effetti sono praticamente svaniti. A questo punto, l'organismo avrà ormai riattivato i normali flussi sangugni, mentre lo stomaco avrà riacquistato la forza sufficiente per avviare una corretta digestione.Può succedere che, soprattutto quando si assumono dosi elevate di sostanze psichedeliche, la mente continui a elaborare dati, anche quando si è ormai pronti a riposare in un comodo letto. Mentre alcune persone apprezzano questo stato di dormiveglia, considerandolo una buona occasione per osservare le stelle o filosofeggiare sulla vita, altri potrebbero non gradire, avendo come unico desiderio quello di dormire. Per ovviare a ciò, è sufficiente assumere qualche sonniffero naturale a base di erbe, aiutando così a conciliare il sonno e, finalmente, a riposare la mente. Ricordiamo la valeriana, il papavero californiano, il Blue Lily, la Melissa officinalis e la passiflora, particolarmente efficaci per rilassare la mente. E, ovviamente, la buona e vecchia Cannabis, sempre di grande aiuto al momento di addormentarsi.
Voler razionalizzare un trip è la cazzata più grande che tu possa cercare di fare...

ATTENZIONE! Tutti i miei post sono scritti per amore della conoscenza ed in nessun modo esortano i lettori all'utilizzo di sostanze stupefacenti e/o psicotrope!
#2
ottimo,non perfetto ma ottimo
#3
Molto interessante per i neofiti come me Wink @LaFouinefarc-ep tu cosa aggiungeresti ? Smile
#4
che nel posto da trovare in un bosco o vicino a una sorgente , non ci deve essere morto nessuna persona burlona o malvagia ,non è per caso che anche in europa nei boschetti sacri era impedito uccidere o commettere atti di violenza,perchè poi rimanevano nell'aria...hai presente le strade maledette?non sono maledette di per se quanto per il numero di gente che ci muore! come dice mia sorella Muertos llama muertos...in tibet quando ci sono strade con parecchi morti i monaci cerimoniano per far spostare queste persone defunte(chi vi dice che elimina demoni o o spiriti sono fandonie)perchè possono essere scacciati da un luogo ma MAI essere tolti dalla terra o in case che loro non vogliono lasciare,di conseguenza se trovi una persona non piu fisica che quando era in vita faceva skerzi...durante la cerimonia puo dare fastidio...
#5
Grazie, per il resto condividi quello detto da @shamano ? Smile

P.s. ovviamente non è che non mi fido di te shamano, ma penso che l'aggiunta di un nativo andino arricchisca le tue ottime considerazioni Wink
#6
Utile, sopratutto come punto di partenza!
Però non ci vedo nulla di male a rotolarsi nel fango o a parlare con una pietra o abbracciare un albero (esperienza che consiglio anzi) xD
p.s. quando ho tempo vi racconto una bella esperienza che ho fatto in un parco
#7
io a volte lo fatto senza essere sotto effetto di niente in particolare sull'appenino di abbracciare un albero!io non sono un sacerdote di nulla nemmeno dell'acqua, so solo officiare con il wuachuma e stop.sono un runa forse nemmeno al 70% che è il primo passo.la sola altra cosa che so fare è il massaggio seguendo le line della pella ma ora come ora non mi viene in mente altro,perchè non sono un sacerdote,mia madre lo è.
#8
certe volte mi incuriosisci proprio La'...
#9
L'altro sabato ero ad una fiera, dalle mie parti e c'era un banchetto dove il gestore Peruviano, vendeva oggettistica delle sue parti.
Con la mia bella faccia dopo aver comprato per la mia Lei, uno splendido maglione di una lana particolare del Perù, ho iniziato a parlare di AYAHUASCA e ho notato da subito un estremo rispetto che il venditore aveva per il vino dell'anima. Ho espresso il mio interesse per l'esperienze con tali sostanze e mi ha detto che potevano essere le più belle o le più brutte della ma vita e che quindi avrei dovuto avvicinarmi a lei con estremo rispetto e possibilmente seguito da un curanderos. Ma come espresso sopra il SET ed il SETTING ottimali sono fondamentali...
Voler razionalizzare un trip è la cazzata più grande che tu possa cercare di fare...

ATTENZIONE! Tutti i miei post sono scritti per amore della conoscenza ed in nessun modo esortano i lettori all'utilizzo di sostanze stupefacenti e/o psicotrope!
#10
shamano a écrit :
avrei dovuto avvicinarmi a lei con estremo rispetto



ecco infatti sha', sopra mancava "il rispetto".
#11
LaFouinefarc-ep a écrit :
io a volte lo fatto senza essere sotto effetto di niente in particolare sull'appenino di abbracciare un albero!io non sono un sacerdote di nulla nemmeno dell'acqua, so solo officiare con il wuachuma e stop.sono un runa forse nemmeno al 70% che è il primo passo.la sola altra cosa che so fare è il massaggio seguendo le line della pella ma ora come ora non mi viene in mente altro,perchè non sono un sacerdote,mia madre lo è.


Anche io ogni tanto! E a casa tocco e comunico con le piante che stò crescendo; ho letto una ricerca (http://hubpages.com/hub/the-effect-of-mu...ant-growth) che diceva che comunicando con le piante (con la voce, con il tocco) crescono meglio.
Scusate l'off-topic; per curiosità cosa sarebbe questo "titolo" di runa?

edit: ho aggiunto la pagina con le informazioni
#12
poesia di Tatanga Mani
(che somiglia ad una delle preghiere per l'Aya: Google Traduttore / ]http://www.psychonaut.com/psichedelia-e-altro/38485-preparazione-per-la-cerimonia-di-ayahuasca-e-san-pedro.html) ...:



Sai che gli alberi parlano?

Si parlano. Parlano l'un con l'altro,
e parlano a te, se li stai ad ascoltare.
Ma gli uomini bianchi non ascoltano.
Non hanno mai pensato
che valga la pena di ascoltare noi indiani,
e temo che non ascolteranno nemmeno
le altri voci della Natura.
Io stesso ho imparato molto dagli alberi:
talvolta qualcosa sul tempo,
talvolta qualcosa sugli animali,
talvolta qualcosa sul Grande Spirito.


http://www.culturaesvago.com/leggende-e-...d-america/

:karu:
#13
bella la poesia ! Smile
#14
Attenzione!!! Parlo del territorio Alpino e Appenninico come setting! Come il re della savana, qui da noi c'è il re del bosco!
Come sapete il lupo, il nome scientifico, deve essere, da quello che ho letto: "Canis lupus italicus." Oramai ha proliferato abbastanza da essere praticamente su tutto il territorio (più di 1000 esemplari, piu o meno!) Il problema quale è? Fungaioli e selezionatori di caccia, individualmente l'hanno incontrato e per questi non è stato un buon incontro, (si son cagati in mano da quanto si sono avvicinati, anche se massimo una 20mt.)! La storia perversa è che cacciatori in genere e di piccole taglie (fagiani, lepri, ecc.), hanno iniziato, dandogli il benvenuto, a caso, senza un movente giustificato, quando lo incontravano, a sparagli con cartucce a pallini, queste per la maggiore, feriscono e basta, essendo a volte per piccole taglie, se mai soffre dopo, prima di decedere! Ora credo che i loro super-sensi, la loro intelligenza, la loro memoria e la loro comunicazione, tra loro, non faccia cilecca e adesso non credo ci guardino con buon occhio e per poche persone, se mai un po vigliacche e stupide, ci rimettono tutti. Bisogna stare molto attenti, se si intraprende un setting totalmente naturale nei "boschi" o zone limitrofe, ormai vale per l'anno prossimo!


Non parlo di predatore-preda, il fatto è che se non ci fosse abbondante selvaggina (Capriolo e altro...), sarebbe un conto, dare la colpa al lupo che è malvagio, carnivoro, che si avvicina alle abitazioni ecc. ecc. Un altro esempio, è il caso di alcuni pastori che svegliandosi la mattina hanno visto solo alcune, loro pecore, morte (non sbranate per saziarsi, io ho visto nel bosco, i caprioli attaccati e vi assicuro che cera rimasto poco), con evidenti segni di morsi al collo. Sembra che lo facciano quasi come ripicca, di per se credo che qui i coglioni siamo stati noi, a lanciare la prima pietra, come al solito.
Mai andare di mattino presto ne alla sera prima del tramonto! Andate sempre in 2 minimo, in qualsiasi arco della giornata! Ci sono branchi anche abbastanza numerosi!
Comunque niente panico, credo che quando ti guarda dritto negli occhi, tende a capire, chi sei nel profondo e che intenzioni hai, se hai paura (e qui mi metto anche io), urli, corri, prendi un bastone lo batti in terra, fai casino, cercando di tenerli lontano, minacciandoli ecc. ecc. se prima stavano solo curiosando, ora hanno il pretesto per ringhiarti e perchè no, attaccarti! Qui, se siete lontano dalla macchina, meglio salire su un albero e alla svelta, poi accendete il cellulare se l'avevate spento per l'esperienza, sperando che ci sia segnale per inviare almeno un messaggio!
Se lo incontrerò da solo, visto che spesso sono nei boschi, (per ora solo impronte e escrementi) vi saprò poi dire con maggiori dettagli, sempre se ritorno per poter raccontarlo!:axe: Ehehehehehehe!
Il nostro "ego" che all'apparenza ci differenzia, in status, ruoli, ci accompagna lungo tutta la nostra vita.. e vale a dire come il forzato obbligo delle persone ordinarie a "credere" in una "drammatica" realtà apparente della vita quotidiana degli esseri viventi. - Aliberth Meng


Topics apparemment similaires...
  L'esperienza psichedelica di T. Leary : L'avete mai applicato? papo86 0 1,439 28/08/2015 09:37
Dernier message: papo86
  la Musica nella Preistoria Abej^a G. 19 8,115 16/06/2015 14:38
Dernier message: Abej^a G.
  janh khelat vasant rituraj (poesia "psichedelica) marhorn 2 639 12/05/2015 16:13
Dernier message: K-7999
  Credete nella vita dopo la morte? Renton 117 9,233 02/05/2015 09:22
Dernier message: Ming
  Sul doping mentale e la propria natura. kataz 16 1,422 27/01/2015 19:03
Dernier message: SaulSilver
  Un gioco d'infanzia rivela potenzialmente psichedelica toti 10 1,376 06/09/2014 12:41
Dernier message: indigo
  letture: l'esperienza psichedelica - di Timothy Leary: che ne pensate??? avviedda 6 1,533 08/10/2013 13:24
Dernier message: Monad
  Immersione nella musica evolution 8 1,227 23/05/2013 05:11
Dernier message: lelepe
  Contatto-Uomo Natura e influenza di movimento hippie e smart shop contemporanei LutherBlisset 41 2,785 19/10/2012 08:21
Dernier message: angel10



Utilisateur(s) parcourant ce topic : 1 visiteur(s)

À propos de Psychonaut

Psychonaut.fr est une communauté d'auto-support francophone, dédiée à l'information et à la réduction des risques liés à l'usage des substances psychoactives.