• Moyenne : 0 (0 vote(s))
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Sfruttare substrati esausti
#1
Ragazzi ma voi con le tortine esauste cosa fate?? Le buttate via?? Ne mangiate la parte di micelio esausta?? Le spawnate??

No perchè un mio amico ha 3 tortine ormai spremute al massimo fino al terzo flush che ormai non producono più nulla e tra un pò gli servirà l'incubatrice per le nuove nate... gli piange il cuore a buttarle via...

C'è da dire che ha provato uno spawn con i semi per uccelli ma il micelio non ricolonizza, dite che dovrebbe provare con il pop corn?? Ogni suggerimento è più che benvenuto, dategli materiale su cui sperimentare!!! Big Grin
  Répondre
#2
dunkare, rimettere a fruttificare, vedere che succede. Ovviamente se il tempo vale lo sforzo, cioè, se alla fine grammo più grammo meno poco importa, un mio amico in genere le sotterrava in un bosco a lui caro.
La comunità italiana si è spostata su psiconauti.net , unisciti a noi!
  Répondre
#3
puoi metterle dentro paglia o paglia+sterco pastorizzate (non sterilizzate), usando semini non ci riusciresti perccè non puoi mettere le tortine senza contaminare tutto.
Il procedimento funziona ma è laborioso e ti servono attrezzature idonee come un termometro centigrado, una fodera del cuscino e tanta pazienza.

UN mio amico che coltiva in paesi dove non è vietato non le ha mai buttate nella spazzatura ma le ha sempre seppellite per rispetto, per lui risulta impensabile buttare una tortina nell'immondizia! Almeno seppellendola continua a vivere e torna piano piano alla terra, tra l'altro una primavera che ne aveva seppelita una molto grossa sotto un albero in giardino dopo un po notò che erano usciti addirittura nuovi funghi (non li mangiò per motivi igienici).

Un altra cosa che puoi fare con le tortine è farci un bell'infuso, non le puoi mangiare perchè la vermiculite fa male, ma con l'infuso filtrato puoi farci un gran bel viaggione. Puoi seccarle e conservarle cosi per periodi di magra.
Nei miei post non voglio incitare l'uso di alcuna sostanza, ma ritengo doveroso condividere le informazioni che ho raccolto con l'esperienza per ridurre al massimo i danni di tali condotte. Sconsiglio vivamente a chiunque di assumere qualsiasi sostanza psicoattiva.
  Répondre
#4
Nullè a écrit :Un altra cosa che puoi fare con le tortine è farci un bell'infuso, non le puoi mangiare perchè la vermiculite fa male, ma con l'infuso filtrato puoi farci un gran bel viaggione. Puoi seccarle e conservarle cosi per periodi di magra.

MOLTO interessante... quindi la vermiculite, la farina di riso, il carbonato di calcio e l'acqua zuccherosa di patata non sono tossici giusto? Oppure meglio raschiar via tutto il micelio il più pulito possibile e farci il thè??

Buona anche l'idea di piantarle in terra, questo mio amico ha giusto qualche vasetto ansioso di fare da sostrato Big Grin
  Répondre
#5
so che la vermiculite ingerita fa malissimo all'intestino perchè è "abrasiva", ma puoi fare l'infuso con la tortina intera e filtrare bene il tutto... Rasciare micelio da una tortina eliminando la vermiculite credo sia semplicemente impossibile, meglio mettercela tutta intera fatta a pezzi e farci l'infuso, ovviamente meglio ancora se nell'ainfuso si spremono un paio di limoni!
Nei miei post non voglio incitare l'uso di alcuna sostanza, ma ritengo doveroso condividere le informazioni che ho raccolto con l'esperienza per ridurre al massimo i danni di tali condotte. Sconsiglio vivamente a chiunque di assumere qualsiasi sostanza psicoattiva.
  Répondre
#6
ma quando il substrato è completamente esausto comincia a marcire e a diventare covatoio per moschini.. per fare infusi e cose varie bisognerebbe farli dopo il terzo flush, prima che il substrato si esaurisca.. rischiando di giocarsi un eventuale quarto...
io,se fossi Dio, preferirei il secolo passato,, se fossi Dio, rimpiangerei il furore antico: dove si odiava, e poi si amava... e si ammazzava il nemico.
  Répondre
#7
a me non sono mai marcite e non ho mai fatto nemmeno i moscerini, semplicemente si fanno piu piccole e secche, anche dopo molto tempo, questo forse perchè non tengo l'umidità troppo alta, di solito intorno al 80%
Nei miei post non voglio incitare l'uso di alcuna sostanza, ma ritengo doveroso condividere le informazioni che ho raccolto con l'esperienza per ridurre al massimo i danni di tali condotte. Sconsiglio vivamente a chiunque di assumere qualsiasi sostanza psicoattiva.
  Répondre
#8
è una vita che non faccio tortine ma le vaschette del casing marciscono sempre dopo 3-4 flush...
forse è come dici tu, una questione di umidità.. non so...
io,se fossi Dio, preferirei il secolo passato,, se fossi Dio, rimpiangerei il furore antico: dove si odiava, e poi si amava... e si ammazzava il nemico.
  Répondre
#9
Ma le tortine esauste contengono tracce di principio attivo? potrebbe davvero essere produttivo farci degli infusi?
- Realtà, realtà sei tu? -
- Moff, DOVE CAZZO SEI STATO?!?! -
  Répondre
#10
leggi sopra e lo saprai.... Smile
  Répondre
#11
Si hai ragione, volevo solo una conferma della presenza di elementi psicoattivi anche nel micelio. Comunque mi ero già convinto, ma purtroppo nel frattempo la mia tortina semi/dimenticata da un mesetto ha fatto un bel marcio verde scuro... ho dovuto sotterrarla, amen Sad
- Realtà, realtà sei tu? -
- Moff, DOVE CAZZO SEI STATO?!?! -
  Répondre
#12
approfitto della discussione già aperta per farvi una domanda, un mio conoscente ha una tortina fatta con un barattolo da 350g più o meno perfettamente colonizzata, messa a fruttificare circa un mese fa ma non vuole saperne di pinnare. dalle sue parti questa estate ha fatto e continua a fare moooolto caldo e ha pensato che la causa possa essere questa. ora ha deciso che vuole farci una bella tisana per non buttare via tutto. qui si parla di tortine esauste, volevo chiedervi con una invece tutta colonizzata e mai "usata" il quantitativo di tortina e acqua da usare per una dose media quale potrebbe essere??
  Répondre
#13
Ma le condizioni di temperatura/ umidità sono giuste? non è che sia contaminata? fare un altra toritina?
  Répondre
#14
Cri a écrit :Ma le condizioni di temperatura/ umidità sono giuste? non è che sia contaminata? fare un altra toritina?

Dalle stesse condizioni sono già fruttificato altre tortine, ma questa niente, era interessante sapare le dosi per la tisana giusto per non buttarla via.
Cmq grazie per l'interessamento
  Répondre
#15
controlla bene che non sia contaminata!! in ogni caso x la dose non saprei proprio che dirti, perchè non ce modo di pesare il micelio della tortina! L'unica è sperimentare... prima con 1/4 di torta, vedi com'è... se non senti molto allora aggiungila pure tutta. Magari con 1/4 sei già in un altro pianeta...
  Répondre
#16
Un mio amico che lo faceva calcolava (senza nessuna base logica o scientifica) come se il peso fosse metà micelio metà vermiculite e acqua, quindi ad esempio per un viaggio come se fosse di 20gr di funghi freschi usava 40gr di tortina. a volte ha funzionato fin troppo bene, nel senso che erano piu potenti di quanto si aspettava,credo dipenda molto dalla quantità di acqua presente, visto che la vermiculite ne può assorbire tantissima facendo aumentare di molto il peso senza aumentare gli effetti. Insomma si, la migliore è sperimentare con buon senso e vedere come va...Anche se ridosare dopo averli presi non serve a moltissimo, sopratutto se si aspetta piu di un ora... (almeno secondo me)
  Répondre
#17
Sarei curioso di sapere come fare questo infuso (cioè quali istruzioni seguire per farlo)... Smile
  Répondre
#18
mah un mio amico ha provato due volte questa storia dell'infuso di micelio e onestamente ha ottenuto due risultati l'uno peggiore dell'altro come high... sicuramente ha commesso qualche errore, riporto procedimento ed esperienze di seguito:

"SETTIMANA SCORSA:

una tortina completamente colonizzata ed ancora fresca di pcmex fatta con verm farina di riso e acqua.
porto l'acqua a bollore, la levo dal fuoco e ci lascio in infusione la torta e mezzo limone per alcune ore a fuoco spento (per alcune ore perchè, non sapendo a che ora sarebbe arrivato il mio "friend-in-a-high-place" e non potendo quindi filtrare e bere subito, ho dovuto preparare i due infusi quando avessi avuto i fornelli liberi a casa... quindi, invece di fare l'infuso a fuoco basso ma costante, ho levato dal fuoco e l'ho lasciato agire-freddarsi man mano).
visuals niente male, significato degli oggetti "esteso" e intuizioni interiori alquanto interessanti... ma ecco, considerando che ho usato una torta per uno mi aspettavo un viaggio immenso sentendo l'opinione comune di alcuni utenti parlare di 1/4-1/2 tortina alla volta...
*il micelio in questione, per altro, bluificò decisamente poco al momento della rottura pre-infusione.

GIUSTO IERI:

stesse dosi, una torta intera, questa volta secca.
faccio l'infuso due volte con la stessa (ho letto di fare l'infuso due volte almeno, nel caso non si possa/voglia mangiare anche i funghi come nel caso di una torta con verm) e a fuoco basso ma costante per 15 minuti a the (due volte la stessa tortina, 15+15) dopo aver portato l'acqua a bollore e spostato il pentolino su un fornello tanto basso da non bollire.
e questa volta nulla! sembrava che il viaggio stesse prendendo il via ma l'effetto ha avuto salita, picco massimo e discesa in poco più di 2 ore...
*il micelio, secco, presentava bluificazione quasi del tutto assente.

ora mi chiedo, cos'ho sbagliato?
credo, onestamente, di aver usato meno acqua la seconda volta... quindi temo che per quanto l'acqua non bollisse il micelio abbia toccato troppo spesso il fondo del pentolino (per logica ben più caldo della stessa acqua essendo a contatto diretto con la fiamma) distruggendo così il principio attivo.

o è forse sbagliato il metodo di infusione?

una torta secca va forse reidratata prima dell'infusione?

è possibile che il micelio sviluppi principio attivo solo al momento del I flush piuttosto che da subito e che quindi è meglio utilizzarlo a fine fruttificazione piuttosto che a colonizzazione finita?
comunque non nego la mia delusione, ma ho altre 4 tortine a seccare e 8 in frutta... quindi un viaggione da almeno 5g secchi con limone appena pronti non me lo leva nessuno si si :rock:
(so che è un bel pò ma viaggio da dieci anni e passa fra una sostanza e l'altra e dosi medie le sento ben poco in generale... poi voglio L'esperienza maledizione, sto investendo tempo su tempo da mesi e sinceramente, anche se per prudenza ho cominciato con dosi minime, de sti viaggetti da overdose di thc ne ho abbastanza... se non altro perchè sono certo che il dio Fungo può dare molto di più se ben approcciato)" [cit.]

buon fungo a tutti!

(mi sono accodato a questo topic perchè sopra si parlava di infusi con torte, ma forse è più idoneo alla sezione "consumo funghi"... non me ne vogliano i moderatori, cerco sempre di non creare confusione :prayer: )
  Répondre
#19
ho una torta ormai arrivata a fine produzione e pensavo di provare questo infuso, poi vi racconterò la mia esperienza. solo una cosa mi preoccupa: prima di queste, ad altre due si è formata una muffa superficiale, penso per l'eccessiva umidità. ora, vorrei evitare di farmi l'infuso con anche un principio di contaminazione che potrebeb sfuggirmi. mi potete spiegare il ciclo finale di una torta?
vi faccio questa domanda anche perchè gli ormai sporadici frutti stanno crescendo strani, rovinati IMG_0274.JPG - Bilder und Fotos kostenlos auf ImageBanana hochladen. giusto per curiosità, motivo?
  Répondre
#20
se la muffa intendi la roba bianca vai tranquillo è tutto ok, io non ho visto particolari segni di contaminazione a prima vista... Cmq credo che l'amico sopra abbia sbagliato perchè non ha sbriciolato la tortina prima, e anche dopo l'infusione bisogna strizzarla bene visto che la vermiculite è come un'enorme spugna che assorbe tutto il meglio! Le tortine funzionano, fidatevi... L'acqua bollente non serve, meglio metterla calda tipo 80 gradi e tenerla cosi per un po piuttosto che portare il principio attivo a 100gradi... Tipo bagnomaria o fuoco lentissimo per 15-20 minuti è il meglio...
  Répondre
#21
bella nullè, puntualizzo che su quella foto no, non ci sono assolutamente traccie, era piu che altro per poter capire come mai questi ultimi funghi crescono rotti, sbrindellati e con le cappelle lacerate. dai dai che domani si fa il the!!!
  Répondre
#22
crescono cosi perchè c'è poca acqua, e probabilmente meno nutrienti dell'inizio... Comunque se cucini la tortina occhio alla vermiculite fa venite i mal di pancia, filtra bene, tipo con un panno....
  Répondre
#23
magari dopo aver fatto questo bel thè si potrebbe recuperare la vermiculite? da me non se ne trova manco a piangere e ordinare sempre in internet sarebbe sbatta XD
La sezione italiana del forum si è spostata all'indirizzo http://forum.psiconauti.net/
  Répondre
#24
si certo, un po come riciclare le arachidi dalla merda... na cosa cosi piu o meno...
  Répondre
#25
ahahaha ok come non detto! non ho mai coltivato non ho idea di che aspetti presenti a fine ciclo
La sezione italiana del forum si è spostata all'indirizzo http://forum.psiconauti.net/
  Répondre
#26
ho provato a cèrcarè onlinè qualcosa di piu sullè èspèriènzè, ma non ho trovato nulla. Mi sapètè aiutarè? voglio règolarmi sullè quanità è avèrè lè idèè piu chiarè. blèss
  Répondre
#27
provato 2 torte in 0.8litri di intruglio, poi condiviso con amici. l'abbiamo bevuto senza considerare le dosi. io ho provato un paio di bicchieri di plastica (penso siano quasi 200cc), ho riconosciuto qualcosa, ma è stato decisamente molto blando. quindi circa mezza tortina. prossima volta provo con una intera. una torta pesava 25g e l'altra essendo piu grossa, sui 40. entrambe secche, anche all'interno. Arrivavano da almeno 3 o4 flush
  Répondre
#28
Durante una raccolta ho accidentalmente staccato un pezzo di micelio di uno dei kit, tipo un centimetro cubo di un angolino.. col pezzo in mano rapidamente ho posto il prezioso essere vivente in un bicchiere pulito dove con l'altra mano ho spezzettato della carta scottex in tanti coriandolini.
Poi ho chuso il bicchiere con un guanto in lattice che avevo vicino.

Volete sapere che è successo? Il pezzo di micelio non solo non si è contaminato, ma si è propagato nello scottex molliccio del bicchiere fruttificando copiosamente senza contaminazione alcuna. Con questa dimostrazione rispondo a una mia domanda primordiale, ossia se è possibile continuare a coltivare i miceli esauriti dei kit. Se si è abbastanza cauti e si adopera una tecnica decentemente sterile, si!

Propongo quindi un mio esperimento di prosecuzione della fruttificazione di funghi da kit esausti. Vi terrò informati.
  Répondre
#29
WillyPeyote a écrit :...Il pezzo di micelio non solo non si è contaminato, ma si è propagato nello scottex molliccio del bicchiere fruttificando copiosamente...

Copiosamente !?!?!?! :Oo:
Un pezzetto di un cm cubo con qualche coriandolo di scottex!?!?!?!?!
Ma quanto ha fruttato? Devi dirci assolutamente a cosa corrisponde quel "copiosamente"

Cmq ottima cosa, considerando che il bicchiere non sarà stato sterile, ne' tantomeno lo scottex. Che strain era?


"E' possibile continuare a coltivare i miceli esauriti?"
Certo che si. Sono esauriti perchè hanno finito il nutrimento, ma dagliene di nuovo e continueranno a fruttare. In questo caso lo scottex è stato lo spuntino.
Non morto; esaurito (il nutrimento) Wink
[SIZE=4]se il forum è pieno di messaggi ripetitivi o fuori tema [SIZE=6]la colpa è tua che gli rispondi [/SIZE][/SIZE][Image: images?q=tbn:ANd9GcSgkdouuObGgMeLXTXTVC_...ajxNZkpXSA]
  Répondre
#30
sè sbriciolo una torta pftèk èsausta, la mèscolo ad altro riso frantumato o altro cèrèalè è ci faccio un casing? appèna posso provo, ma qualcuno di voi ha èspèriènza?
  Répondre


Sujets apparemment similaires...
Sujet Auteur Réponses Affichages Dernier message
  Bulk: grandi substrati (legno, letame e/o paglia, ecc) paul83 52 6,896 22/10/2014 11:19
Dernier message: Mushroomer

Atteindre :


Utilisateur(s) parcourant ce sujet : 1 visiteur(s)